Stefano Parisi attacca la Boschi: «Fa solo propaganda, dev’essere più umile»

«Il ministro Boschi mi sembra faccia solo tanta propaganda e confusione. Dovrebbe essere più umile, perché sa benissimo che c’è un’alternativa profonda a questa riforma sbagliata, priva di idee». Stefano Parisi attacca ancora sul referendum: «Noi invece le abbiamo chiare, vogliamo l’elezione diretta del presidente della Repubblica, il dimezzamento dei parlamentari, vogliamo togliere il Senato, riportare il federalismo territoriale che serve in Italia, vogliamo riformare anche il sistema delle regioni che oggi è uno dei sistemi più inefficienti che ci sia nel nostro Paese».

Stefano Parisi: il centrodestra è la vera alternativa a Renzi

«Il centrodestra deve tornare ad essere una forza di governo che si candida come alternativa a Renzi, una forza che dia fiducia agli italiani e che si prepara a governare, perché tra poco si voterà», ha aggiunto Stefano Parisi. «Stiamo ricostruendo un programma ideale che ridia una rotta chiara al centrodestra per cambiare profondamente questo Paese sui grandi problemi che la sinistra non riesce ad affrontare. Problemi sociali, immigrazione, terrorismo, soprattutto lo sviluppo economico, tutti grandi temi che oggi la sinistra non è in grado di affrontare e sui cui noi stiamo lavorando per portare proposte serie agli italiani». E ancora: «L’Italia deve fare riforme serie, la Costituzione è una cosa seria che non può essere lasciata a una riforma così confusa che può generare instabilità istituzionale. È una riforma sbagliata che sta generando molta confusione. L’Italia non si può permettere di entrare in un periodo di confusione istituzionale ma ha bisogno di avere una nuova offerta riformatrice, diversa da questa. Il No è un No ottimista perché crede nella possibilità dell’Italia di fare riforme nuove. Il Sì invece è un Sì pessimista perché pensa che questa sia l’ultima spiaggia, il che non è vero».