Sondaggio, sale al 40 % il fronte del No alla riforma. Fermo al 37 il Sì

Aumenta il fronte del no al referendum costituzionale del 4 dicembre, secondo l’ultimo sondaggio statistico di Ixè. In una sola settimana il no alla riforma cresce al 40% mentre il resta fermo al 37%. A poco più di un mese dall’appuntamento con le urne scende anche la percentuale degli elettori indecisi tra chi ha già deciso di recarsi a votare, che passa dal 25 al 23%.

Sondaggio: cresce il fronte del no

Nello specifico secondo il sondaggio realizzato da Ixè per Agorà  il 79% degli elettori del Partito democratico voterà sì (contro il 16% di no), mentre il 20% di Cinquestelle, Lega Nord e Forza Italia appoggeranno, contrariamente alle indicazioni dei loro partiti, la riforma costituzionale. Sempre secondo il sondaggio cresce di un punto anche la percentuale degli elettori che si recheranno alle urne il 4 dicembre; passa dal 55 della scorsa settimana al 56%. In particolare voterà il 76% degli elettori Pd; il 68% di quelli M5s, il 77% di quelli Lega Nord e il 62% di quelli Forza Italia. La rilevazione è stata effettuata dall’Istituto Ixè per Agorà-Rai3 due giorni fa. Il sondaggio è stato realizzato – comunica l’istituto –  su un campione casuale probabilistico stratificato di 1.000 soggetti  (su 8.878 contatti complessivi), di età superiore ai 18 anni. Tutti i parametri sono uniformati ai più recenti dati forniti dall‘Istat: «I dati sono stati ponderati al fine di garantire la rappresentatività rispetto ai parametri di sesso, età e macro area di residenza».