Russia, Lavrov scimmiotta lo zar Alessandro III e attacca gli Usa

“La Russia ha solo due alleati: il suo esercito e la sua marina”. Queste parole dello zar Alessandro III risalgono al XIX secolo, ma il ministro degli Esteri russo Serghiei Lavrov le ha riprese in chiave moderna destando un certo clamore. Parlando di “lotta al terrorismo”, il capo della diplomazia di Mosca ha detto esplicitamente:  “Qui abbiamo la diplomazia e diversi alleati: le forze aerospaziali, l’esercito e la marina russi”. Poi il ministro Lavrov ha lanciato l’ennesima stoccata contro gli Usa. “L’amministrazione Reagan – ha detto – ha creato Al Qaida, l’amministrazione di George Bush ha creato lo Stato Islamico, e adesso l’amministrazione di Barack Obama potrebbe entrare nella storia come quella che ha aiutato a rafforzare un’altra struttura terroristica, Jabhat al Nusra, e noi non vogliamo che accada”. Non è la prima volta che il ministro degli Esteri russo si lascia andare a dichiarazioni choc. Qualche mese fa, in un’intervista a Sputnik,  Lavrov a proposito dell’inferno siriano disse: “Il presidente della Siria, Bashar Assad, non è un alleato della Russia nello stesso modo in cui la Turchia è un alleato degli Usa. Tuttavia Mosca lo sostiene nella lotta al terrorismo e nella custodia del paese.”