Pugnalato per motivi di viabilità a Napoli: fermato un diciassettenne

Ha solo diciassette anni il giovane che, a Napoli, con la complicità di un amico diciottenne, non ha esitato – secondo la ricostruzione della polizia – a pugnalare al petto un coetaneo, per motivi di viabilità. Gli agenti della sezione “Volanti” in piazza Nazionale, sono stati contattati da una ragazza che era a bordo di un’autovettura in compagnia del fidanzato, quest’ultimo ferito al torace. I poliziotti hanno dapprima accompagnato il ferito all’ospedale Loreto Mare e successivamente, gli agenti hanno accertato che la vittima, in Via Zara, per banali motivi di viabilità, era stato ferito da due giovani mentre era in auto con la fidanzata.

La lite per la viabilità, ricostruite le fasi

Grazie ai primi elementi raccolti dopo la lite per la viabilità, dalle caratteristiche somatiche all’abbigliamento indossato, i poliziotti hanno dapprima rintracciato il maggiorenne e successivamente il diciassettenne. Nel corso di una perquisizione domiciliare, gli agenti hanno rinvenuto e sequestrato, diversi coltelli, nonché un diario scolastico, al cui interno era stato nascosto un coltello a farfalla. I due giovani, riconosciuti senza ombra di dubbio dalla fidanzata della vittima, sono stati arrestati, perché responsabili, in concorso tra loro, di tentato omicidio e condotti,rispettivamente, alla Casa Circondariale di Poggioreale ed al Centro di Prima Accoglienza dei Colli Aminei. La vittima, attualmente ricoverata in prognosi riservata, ha riportato una ferita penetrante all’emitorace sinistro.