Prete abbandona la parrocchia. C’è un ammanco di 200mila euro nella casse

L’addio alla parrocchia da parte di un prete molto conosciuto in paese si tinge di giallo e potrebbe avere risvolti inaspettati, a cominciare – secondo le voci che circolano – da un ammanco di almeno 200mila euro dalle casse parrocchiali. La vicenda nasce con l’abbandono del servizio sacerdotale da parte di don Flavio Gobbo, parroco di Spinea (Venezia).

Molti non sono convinti dalla lettera lasciata in parrocchia

Dopo aver lasciato nei giorni scorsi una missiva, letta dal cappellano ai parrocchiani, in cui si limitava a spiegare di volersi prendere un periodo di riposo «a causa di una situazione di affaticamento», ora è letteralmente sparito, come riportano alcuni quotidiani locali. E si starebbe delineando uno scenario economico per spiegare l’accaduto. Dalla cassa della parrocchia dei Santi Vito e Modesto mancherebbe infatti una somma ingente, uscita un po’ alla volta in un anno e mezzo. C’è chi parla di un eccesso di beneficenza e prestiti ai bisognosi e chi arriva a ipotizzare l’ombra delle sale da gioco. Ma non viene tralasciata neppure la pista amorosa. Si tratta del terzo parroco in un mese in Veneto, dopo don Marco Scarpa di Venezia (che ha scelto coraggiosamente di fare outing dal pulpito, raccontando il risvolto affettivo del suo abbandono) e don Alberto Bernardi del Sacro Cuore di Treviso.