Omicidio del vigile urbano Diana, altra ordinanza per il boss “Sandokan”

martedì 18 ottobre 11:43 - di

Un’ordinanza di custodia cautelare è stata notificata in carcere al capoclan dei casalesi Francesco “Sandokan” Schiavone e sei tra killer e partecipanti all’omicidio del vigile urbano Antonio Diana, ucciso nel 1989 a San Cipriano d’Aversa (Caserta). Il provvedimento è stato emesso al termine delle indagini dei Carabinieri del Nucleo Investigativo di Caserta, coordinati dai pm della Dda di Napoli Catello Maresca e Simona Rossi.

Sandokan accusato di essere il mandante

L’accusa per Sandokan, il boss del clan casertano, detenuto da vent’anni, è di essere stato il mandante del delitto, consumato nell’ambito della guerra che alla fine degli anni Ottanta contrapponeva il suo gruppo, controllato insieme a Francesco Bidognetti e Vincenzo De Falco, alla famiglia Bardellino. Insieme al 64enne Francesco Schiavone erano già detenuti altri destinatari del provvedimento: i presunti killer del vigile, poi divenuti elementi di spicco del clan, Raffaele Diana, di 63 anni detto “Rafilotto” e Giuseppe Caterino di 62 anni, noto come “Peppinotto”. Già in carcere anche l’altro presunto sicario Francesco Mauriello, e i due affiliati, Pasquale Spierto e Antonio Basco, che secondo l’accusa si sarebbero occupati di far sparire le armi e il veicolo usato per l’agguato. Unico indagato libero il fiancheggiatore del clan Giovanni Diana, che questa mattina è stato prelevato nella sua abitazione di San Cipriano d’Aversa. L’uomo, 70enne, è stato poi posto ai domiciliari. Nella sua casa c’era anche un vecchio bunker, da anni non utilizzato, ma che in passato ha ospitato latitanti del clan.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *