Mattew, la Florida si prepara al peggio: 2 milioni di persone da evacuare

Cresce nel sud-est degli Stati Uniti l’allarme per l’arrivo dell’uragano Matthew, si annuncia un vero e proprio esodo. Le autorità americane consigliano l’evacuazione di due milioni di persone in vista dell’arrivo dell’uragano Matthew, che dovrebbe arrivare in Florida nelle prossime ore. Per ora non si tratta di un vero e proprio ordine di evacuazione, ma questa possibilità sembra avvicinarsi, anche perché l’uragano – secondo gli esperti meteo – dovrebbe riacquistare potenza una volta toccata terra negli Usa e passare di nuovo alla categoria 4. Intanto, secondo il sito FlightAware.com, le compagnie aeree hanno cancellato un totale di 1.594 voli fino a domani. Gli aeroporti più colpiti sono quelli di Miami, Fort Lauderdale e Orlando, in Florida. FlightAware prevede che il numero dei voli cancellati salirà nelle prossime ore.

 Uragano Mattew,  gli Usa preparano lo stato di emergenza

Dopo aver seminato devastazione e morte –  25 il bilancio delle vittime, 19 persone sono morte ad Haiti, 4 nella Repubblica Dominicana, 1 nell’arcipelago caraibico di St. Vincent e Grenadine e uno nel nord-est della Colombia- la priorità degli operatori è quindi quella di distribuire alle popolazioni colpite acqua potabile e kit igienici. Inondazioni anche a Cuba, ma fortunatamente nessuna vittima. Ora Matthew sta arrivando in Florida. Il governatore del “Sunshine State’” ha invitato tutti i residenti a fare scorte di cibo e acqua per almeno tre giorni e a prepararsi all’interruzione di energia elettrica. Ha anche lanciato un appello a non sottovalutare gli ordini di evacuazione.  Scott ha aggiunto anche che Matthew potrebbe provocare un livello di devastazione che non si vede dai tempi di Andrews, che si abbattè su Miami nel 1992. Scuole e diversi atenei sono già stati chiusi. Annullati anche alcuni eventi sportivi.