Jean-Marie Le Pen in tribunale: vuole 2 milioni dal Fn per danni “morali e politici”

Jean-Marie Le Pen, 88 anni, secondo quanto scrive il sito del quotidiano Le Matin, sarà presente all’udienza dell’alta corte di Nanterre per chiedere di annullare la sua esclusione dal Front National, partito da lui fondato. La sospensione era stata decretata nell’estate del 2015 dal comitato esecutivo del partito dopo alcune dichiarazioni di Le Pen sulla Shoah e sul maresciallo Petain. Il tribunale aveva già sospeso il provvedimento contro Jean Marie Le Pen che ora chiede di essere reintegrato e chiede 2 milioni di euro di risarcimento per i danni arrecati alla sua “dignità, onore, reputazione e azione politica”.

In attesa della sua ipotetica reintegrazione, Jean-Marie Le Pen prolunga la suspense sul suo sostegno possibile alla figlia per le elezioni presidenziali e legislative nel 2017. “Per il momento no”, si è limitato a dire. I suoi amici e sostenitori hanno detto di augurarsi che sia la figlia Marine a fare un passo di riconciliazione, cosa che finora non è avvenuta.