Dal 2003 nel braccio della morte chiede di morire: sarà accontentato

Non ce la faceva più di aspettare nel braccio della morte. E, così, un detenuto ha chiesto di essere giustiziato. La mano del boia colpirà di nuovo questa sera in Texas.
Ad essere mandato a morte per iniezione letale sarà Barney Fuller Jr., 58 anni, dichiaratosi colpevole nel 2003 di aver ucciso i suoi vicini di fronte ai loro figli e ristretto da .
Fuller aveva chiesto ripetutamente al suo avvocato di smetterla di fare appelli alla sentenza perché stanco di vivere in attesa dell’esecuzione.
«Non ce la faccio più a vivere in questo inferno – aveva scritto al suo legale – non fare altro per me che prolunghi i miei appelli e il mio tempo qui in Texas nel braccio della morte».
Secondo un giudice federale, Fuller è perfettamente capace di prendere questa decisione e, dopo aver testimoniato di essere soddisfatto dell’assistenza legale ricevuta, ha detto che nessuno lo ha costretto.
Il 14 maggio 2003 a Houston County, Fuller si introdusse nella casa dei suoi vicini, Annette Copland, 39, e suo marito, Nathan Copeland, 43, e gli sparò più volte fuggendo poi a piedi. Catturato e processato venne poi condannato a morte nel luglio 2004.
All’origine della vicenda vi è una storia di continui litigi che sfociò, poi, nel doppio omicidio. Fuller era solito sparare con un fucile all’indirizzo della casa dei vicini ed era stato, per questo, già convocato in Tribunale poiché due anni prima dell’agguato mortale aveva scaricato la sua arma contro un trasformatore elettrico che forniva energia alla casa dei Copeland. «Buon Anno – aveva detto Fuller ad Annette Copeland durante una chiamata nel 2001 – Ho intenzione di ucciderti».
L’agente del Dipartimento dello sceriffo che ha preso la chiamata di Annette Copeland alla polizia all’1 e 30 di notte, il 14 maggio 2003, ha sentito un uomo dire la frase: «La festa è finita, cagna», seguito dal rumore di un colpo di arma da fuoco. Annette Copeland è stato poi trovata dalla polizia con tre proiettili in testa.
Fuller si arrese poi senza opporre resistenza nella sua casa, circa 100 miglia a nord di Houston. Nella terribile sparatoria che aveva ucciso Annette e Nathan Copeland – Fuller era armato con un fucile da caccia, una carabina semiautomatica e una pistola e aveva già sparato 59 colpi prima irrompere in casa – erano miracolosamente sopravvissuti i due figli della coppia, un ragazzo di 14 anni, ferito da due colpi, e un bambino di 10 anni salvatosi miracolosamente dalla furia omicida solo perché Fuller non era riuscito ad accendere la luce della cameretta dove il ragazzino si era nascosto.
Quella di Fuller sarebbe la settima esecuzione quest’anno in Texas e la prima in sei mesi nello Stato più attivo nella pena di morte, nonché la sedicesima a livello nazionale sullo sfondo di un calo generale della pena capitale.