Torino, crolla il solaio di una scuola elementare: ferito un bambino

Due crolli in due giorni, a Padova e Torino. Una tragedia evitata per miracolo, anche stavolta, ma il piano sulla sicurezza della scuola annunciato da due anni dal premier Renzi è sempre più un’utopia o si sta rivelando l’ennesima promessa a vuoto. Due alunni di una scuola elementare sono rimasti feriti nel crollo del controsoffitto dell’istituto Rodari in via XXV aprile 111 a Nichelino, alle porte di Torino. Un bambino, colpito in testa da un calcinaccio, è stato portato al pronto soccorso dai medici del 118: le sue condizioni non sarebbero gravi e il bambino è ora al pronto soccorso dell’ospedale infantile Regina Margherita di Torino. Avrebbe riportato una ferita lacero-contusa. Molta paura anche per alcuni suoi compagni, al rientro in classe dalla mensa. È solo l’ultimo dei numerosi cedimenti strutturali che negli ultimi tempi hanno riguardato edifici scolastici in Italia. Solo qualche giorno fa era arrivato l’appello del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, sulla sicurezza delle scuole.

Lunedì scorso a Padova, nella scuola materna “Edmondo De Amicis”, vicino al centro storico, c’era stato un altro crollo di un controsoffitto in cartongesso, che non aveva avuto conseguenze solo per la prontezza di spirito delle maestre. I bambini avevano sentito degli scricchiolii provenire dalla struttura ed erano scappati, su invito delle maestreò Poco dopo era venuto giù tutto il controsoffitto, cartongesso e strutture metalliche. La “De Amicis” aveva subito interventi di manutenzione realizzati nel 2001-2002 ma a quanto pare quei lavori non hanno garantito la necessaria sicurezza alle scolaresche.