Un cinese ubriaco picchia la moglie e ferisce il figlio a colpi di mannaia

Un cinese di 40 anni è stato arrestato dai carabinieri per aver ferito con un colpo di mannaia il figlio 17enne intervenuto in soccorso della madre che stava subendo un’aggressione. È accaduto in un appartamento in via Mascagni a Rho, in provincia di Milano. Il ragazzo è stato colpito alla spalla ed è stato ricoverato all’ospedale Sacco con una prognosi superiore ai quaranta giorni. Anche la donna è stata accompagnata in un struttura sanitaria per i pugni ricevuti dal marito, tornato a casa visibilmente ubriaco.

Cinese arrestato per tentato omicidio

L’uomo, di professione cuoco, è stato arrestato per il tentato omicidio del figlio e per lesioni aggravate alla moglie di 39 anni. Quest’ultima ha riportato gravi tumefazioni alla faccia ed è ricoverata in osservazione all’ospedale Sacco per una serie di controlli alla testa. Il figlio, di 17 anni, è stato operato d’urgenza, il colpo gli ha tranciato il muscolo della spalla. Secondo quanto ricostruito dai carabinieri, il cinese è tornato a casa ubriaco dopo una cena, ha subito iniziato a litigare con la moglie senza alcun motivo apparente, l’ha colpita molte volte e poi quasi strangolata. Quando il figlio maggiore, il 17enne, ha visto il padre con le mani attorno al collo della madre, è intervenuto per salvarla e a quel punto il 40enne ha afferrato una mannaia e lo ha colpito alla spalla. A chiamare i soccorsi è stato il fratello 13enne. Quando i carabinieri sono arrivati in via Mascagni, la donna era in cortile in stato di choc, il figlio ferito in casa quasi svenuto per l’emorragia, e l’aggressore stava uscendo come se nulla fosse. Prima di andar via, nonostante il presunto raptus dovuto all’alcol, ha avuto la lucidità di pulire dal sangue la mannaia e di nasconderla tra i vestiti in un armadio.