Berlusconi ricoverato alla Clinica della Columbia University di New York

Silvio Berlusconi è ricoverato al Presbyterian Columbia University Medical center di New York. E’ quanto emerge dalle documentazioni presentate dalla sua difesa nell’udienza preliminare del procedimento Ruby ter con cui è stato chiesto, e ottenuto, il rinvio dell’udienza.
I legali del leader di Forza Italia, gli avvocati Franco Coppi e Federico Cecconi, come ha spiegato lo stesso Cecconi, hanno presentato una richiesta di legittimo impedimento e di stralcio della posizione del loro assistito motivandola con «motivi di salute» legati «al decorso postoperatorio dopo l’intervento severo» al cuore dello scorso luglio.
Stando a quanto riferito dallo stesso legale, anche i pm Tiziana Siciliano e Luca Gaglio si sono associati all’istanza di rinvio e stralcio della posizione presentata dalla difesa.
Nella documentazione medica prodotta dalla difesa di Berlusconi per la richiesta di legittimo impedimento si evince che il creatore di Forza Italia è ricoverato da venerdì scorso nel prestigioso ospedale la cui sede si trova al 630 West 168th Street della Grande Mela, a nord-ovest di Manhattan, pochi isolati dal George Washington Bridge.
Nella certificazione non viene precisato il periodo per il quale sarà necessario il ricovero nell’ospedale newyorkese ma viene chiarito che il ricovero si è reso necessario per accertamenti in seguito a scompensi pressori e a flogosi legati al decorso post operatorio dopo l’importante intervento al cuore – quattro ore e mezza sotto i ferri – subìto nel luglio scorso all’ospedale San Raffaele di Milano per la sostituzione della valvola aortica.
Il gup di Milano, Laura Marchiondelli, ha, quindi, accolto la richiesta di legittimo impedimento per motivi di salute presentata da Berlusconi e ha stralciato la sua posizione da quella degli altri 23 imputati del procedimento Ruby ter, rinviando per lui l’udienza al prossimo 15 dicembre.
Dopo lo stralcio della posizione del leader del Centrodestra, l’udienza preliminare davanti al gup Laura Marchiondelli per gli altri 23 imputati, tra cui Ruby e il suo ex-legale, l’avvocato Luca Giuliante, prosegue in Tribunale a Milano con gli interventi di alcune difese.
Tra gli altri, oggi sono in programma gli interventi delle difese di Barbara Faggioli, una delle giovani ospiti alle serate di Arcore, e di Maria Rosaria Rossi, parlamentare di Forza Italia accusata di falsa testimonianza.
Oggi era previsto anche l’intervento dei difensori dell’ex-premier, ma i legali hanno chiesto e ottenuto il rinvio e il gup ha deciso di stralciare la sua posizione, come chiesto dai pm, proseguendo l’udienza per gli altri imputati.
Qualora prima del 15 dicembre il gup si sarà già espresso sui rinvii a giudizio o meno degli altri imputati, probabilmente l’udienza preliminare per Berlusconi dovrà proseguire (a meno di ulteriori rinvii per motivi di salute) davanti ad un altro giudice.
Oppure il gup potrebbe anche decidere di riunire nuovamente le posizioni di tutti gli imputati dopo il 15 dicembre. Per ora è fissata un’altra udienza per gli altri imputati per il 19 ottobre.