Anziano trovato morto con le mani legate: si segue la pista della rapina

È giallo sulla morte di un anziano trovato in casa con le mani legate e diverse ferite risultate mortali. Secondo una prima ipotesi dei carabinieri, potrebbe essere la tragica conclusione di un tentativo di rapina avvenuto nella sua abitazione a Valgatara, nel comune di Marano di Valpolicella, in provincia di Verona. L’uomo si chiamava Luciano Castellani, aveva 72 anni ed era proprietario di una trattoria che è sotto l’abitazione.

L’anziano trovato morto con le mani legate aveva numerose ferite

L’allarme è stato dato da un vicino che ha sentito rumori sospetti provenienti dalla casa e allarmato ha pensato a una rapina. Castellani, secondo un primo accertamento da parte dei soccorritori, presentava varie ferite al volto oltre alle mani legate. Sul posto sono intervenuti i carabinieri del Reparto operativo di Verona, che stanno conducendo gli accertamenti per stabilire la dinamica della vicenda. Al momento, tra le ipotesi ritenute più attendibili quella che il ristoratore sia stato aggredito probabilmente da ladri entrati nella sua abitazione. Dalla casa delle vittima non mancherebbe nulla.

Rapina in casa, i precedenti

Non è la prima volta che anziani nel corso di una rapina in casa vengano legati e picchiati e poi muoiano. A Terni una coppia di anziani era stata legata e rapinata. L’uomo, un agricoltore di 91 anni, era morto durante la rapina: era stato trovato dai carabinieri imbavagliato e con le mani legate. I ladri, tre romeni, erano stati tutti arrestati per omicidio preterintenzionale e rapina.