Ue, il vertice di Bratislava è stato un flop. E Renzi la butta in “caciara”

FacebookPrintCondividi

Il vertice Ue di Bratislava s’è rivelato un flop. Merkel e Hollande non si sono sbilanciati più di tanto, visto che il prossimo anno sono attesi da prove elettorali molto delicate. Renzi  sapeva benissimo che non avrebbe scucito più di tanto ai due alleati in crisi. Però ha voluto egualmente ottenere un risultato ad affetto, non ammettendo l’idea di tornare in Italia con le pive nel sacco. E così ha pensato bene di buttarla, per così dire, in “caciara” .  «Il vertice di Bratislava – ha detto Renzi –  ha visto alcuni passi avanti ma ancora è lontano» dalle sfide che l’Ue deve affrontare dopo la Brexit.
La politica di austerity dell’Europa – ha ribadito Renzi chiedendo che si stimoli la crescita – «non ha funzionato». Sulla questione dell’immigrazione «noi stiamo facendo la nostra parte e siamo pronti a farla anche da soli se necessario». Renzi ha però criticato la Ue perché la soluzione individuata al vertice di Malta «è rimasta lettera morta». «Sui migranti vogliamo vedere i fatti»,  Il vertice Ue a Bratislava «non è stato tempo perso. Ma definire il documento sui migranti di oggi un passo avanti richiede della fantasia» degna dei «funamboli da vocabolario. Si sono ridette le solite cose». Se «l’unica cosa che fa la guardia costiera europea è portare migranti in Sicilia», questo «non può continuare». E quindi o «l’Ue fa accordi con Paesi africani o li facciamo da soli». Ma «secondo noi sarebbe molto meglio se a farlo fosse l’Europa».

Alla fine il colpo di teatro: «Non posso fare una conferenza stampa con Merkel e Hollande non condividendo le conclusioni come loro. Non è un fatto polemico». «Non devo fare una recita a copione per far vedere che siamo tutti uniti». «Così come i Paesi devono rispettare le regole del deficit, allo stesso modo si devono rispettare altre regole, come quella sul surplus commerciale. E ci sono alcuni Paesi che non la rispettano, il principale è la Germania».

Una domanda, in finale, è d’obbligo: l’Italia non era forse entrata nel “direttorio” europeo dopo la Brexit? Sarebbe utile conoscere la risposta di Renzi