Tutti contro Virginia: i consiglieri comunali già sfiduciano la Raggi

«Devi togliere subito la delega a Paola Muraro». «Non ci penso proprio. E poi decido io, non il mini-direttorio». Volano gli stracci in Campidoglio fra i consiglieri del M5S e Virginia Raggi. Il sindaco per il momento ha subito il pressing di un folto gruppo di eletti, i quali chiedevano di sacrificare l’assessore all’Ambiente per provare a riportare la calma e riprendere il lavoro ordinario per la città. Non è un caso, infatti, che l’impasse politica abbia esaurito i provvedimenti da sottoporre all’Assemblea Capitolina, tanto che il presidente Marcello De Vito questa settimana non riuscirà a convocare l’Assise per mancanza di delibere all’ordine del giorno, si legge su “il Tempo”.

Attività della Giunta Raggi è ferma

L’incontro di ierimattina m Campidoglio era stato chiesto la sera prima dagli stessi consiglieri, che avevano appreso quasi stupefatti di essere stati tenuti ali Oscuro dalsindaco per ben due mesi circa l’indagine a carico di Muraro. «Probabilmente c’è stato un errore di metodo», si lascerà sfuggire al termine della riunione Maria Teresa Zotta, presidente della Commissione Scuola e fra i consiglieri più critici verso la «mancanza di trasparenza» di Raggi, e non a caso una delle poche a rispondere con una certa sincerità ai cronisti in attesa di notizie. Un clima molto teso, come detto, che ha visto frai più scuri in volto il capogruppo Paolo Ferrara, fra i meno convinti delle giustificazioni portate da Raggi. A quanto si è potuto apprendere, la prima cittadina ha provato a riportare la calma fra gli eletti, spiegando che quello arrivato a Muraro non era un avviso di garanzia vero e proprio ma solo una notifica, tale da non permettere nemmeno alla diretta interessata di approfondire i motivi dell’indagine. Non solo: Raggi avrebbe anche cercato di convincere gli eletti della «inutilità» del mini-direttorio, che «sta facendo più danni che altro», ed è in questa chiave che andrebbe letta la chiamata in Campidoglio del giudice Raffaele De Dominicis, su «consiglio» dell’amico comune Pieremilio Sammarco.

«Meno parlate, meglio è», avrebbe detto Raggi ai suoi

Fra urla, rabbia e pugni sbattuti sul tavolo, alla fine si è deciso di mantenere una parvenza di unità di fronte alla stampa. «Meno parlate, meglio è», avrebbe detto Raggi ai suoi. Alla fine la versione ufficiale viene resa senza troppa convinzione da Marcello De Vito: «Si vedranno i contenuti, sull’esito la sindaca insieme a tutto il gruppo faranno le proprie valutazioni con calma. L’incontro è servito a fare il punto della situazione, abbiamo parlato e non c’è nulla di diverso». Gli ha fatto eco Teresa Zotta: «Sono una persona che ama leggere e poi interpretare ha concluso – nel momento in cui vado a verificare e leggere le carte, posso valutare». Ovviamente, fra i consiglieri c’è chi è palesemente pro-Raggi e anche pro-Muraro. Uno di questi è Daniele Diaco, presidente della Commissione Ambiente, che addirittura azzarda: «Il sindaco ha fatto benissimo a non dire nulla» sull’indagine a carico di Paola Muraro che «deve restare al suo posto», che somiglia un po’ al «tacere è diverso da mentire» dell’assessore Flavia Marzano.