Turista tedesca sorpresa a rubare: botte alle agenti che la smascherano

Una giornata di ordinaria follia quella in corso a Napoli dove un atto di quotidiana microcriminalità è imprevedibilemente degenerato lasciando attoniti gli spettatori della vicenda, sconcertati per il danno e per la beffa. Protagonista del caso una turista tedesca cinquantenne, in vacanza in un albergo di Ischia ma che, più che agli scorci folcloristici e al mare d’estate, si è rivelata essere veementemente interessata a beni decisamente più materiali.

Napoli, turista tedesca beccata a rubare

La donna, infatti, è stata infatti sorpresa da alcuni cittadini nell’atto di ribare orologi e bracciali. Il piano da lei ingegnato non era poi particolarmente articolato, e di sicuro non ha beffato chi era nel negozio dove la cinquantenne tedesca aveva deciso di agire. Dunque, secondo quanto accertato dalla Polizia municipale, dopo aver comprato un abito, la ladra sotto le mentite spoglie di semplice turista tedesca – una presenza come ce ne sono tante sull’isola flegrea, specie a settembre – aveva chiesto di indossarlo pur di distrarre la titolare. Il suo reale obiettivo, invece, era ben altro: rubare due orologi e due bracciali in metallo che erano in esposizione per la vendita; oggetti che – guarda caso – sono stati trovati nella borsa della turista. Il suo modo di agire ha evidentemente insospettito clienti e commessi del negozio preso di mira, tanto da ricorrere allla fatidica chiamata agli agenti che ha rotto le uova nel paniere della ladra non propria esperta.

La reazione violenta all’arrivo delle agenti

E così, quando le agenti intervenute l’hanno fermata, la turista mani di fata ha cominciato a scaldarsi e a reagire violentemente, avventandosi contro le due poliziotte intervenute, picchiandole selvaggiamente tanto da procurare loro lesioni guaribili in sette e cinque giorni. Una vera furia in gonnella, la tedesca, surclassata in modus agendi e calma olimpica da un “collega” algerino: un borseggiatore abituato a dare decisamente meno nell’occhio nelle sue missioni fraudolente improvvisate a bordo di bus e non solo. Anche lui, però, non proprio infallibile e finito nella rete delle forze dell’ordine, allertate dalla denuncia, tra le varie, di una turista di Andria, in visita a Napoli con il marito, e derubata in piazza Garibaldi all’interno della galleria commerciale. Si devono anche a lei, allora, le manette scattate ai polsi del cittadino algerino senza fissa dimora che, almeno, a differenza della “collega” tedesca, ha saputo accettare di buon grado di essere stato beccato in flagrante…