Sindaco di centrodestra fruga tra i rifiuti e scopre chi “inquina” il paese

FacebookPrintCondividi

Lotta senza quartiere a chi sporca la città e crea discariche a cielo aperto. Il sindaco di Vittoria Giovanni Moscato (nella foto) – eletto nel giugno scorso con una coalizione di centrodestra che ha fatto registrare una svolta storica attesa da decenni – ha iniziato la sua personale battaglia contro chi lascia i sacchi di spazzatura fuori dai cassonetti o sui cigli delle strade. Così si è infilato i guanti e ha dato una mano a volontari e operatori ecologici a rimuovere cumuli di spazzatura e discariche abusive ma anche ad aprire i sacchi per individuare i trasgressori dell’ordinanza comunale. “Abbiamo trovato alcune prove – dice il sindaco di Vittoria – e partiranno immediatamente le multe per questi incivili; nel giro di qualche settimana avremo un sistema di videosorveglianza. Chiediamo l’aiuto di tutti i cittadini per difendere il nostro territorio e per denunciare questa gente».

 

Rovistando tra i sacchetti, il sindaco di Vittoria ha individuato tra i presunti responsabile dell’abbandono della spazzatura in violazione delle norme comunale anche una docente di Comiso alla quale ha scritto una lettera aperta: «Proprio Lei che svolge funzioni educative – scrive Moscato -, proprio lei che dovrebbe insegnare ai nostri figli il vivere civile, proprio lei che svolge un ruolo così delicato per la formazione dei giovani, proprio lei getta l’immondizia per strada? Aspetto le sue scuse immediate e una azione riparatrice: si armi di guanti, scope e bidoni e vada ad aiutare a pulire dove ha sporcato. Solo così, probabilmente, eviterà una brutta figura. Adesso torni in classe e si metta a insegnare ai nostri figli il rispetto, l’educazione e il senso civico visto che sino ad ora è stata un pessimo esempio da non seguire».