Riprodotto il Grande incendio di Londra che distrusse la città nel 1666 (video)

La simulazione del Grande incendio di Londra di 350 anni fa, nelle immagini tratte da Twitter, è andata in scena nella capitale britannica in coincidenza con la rievocazione di quel disastroso evento.

Il Grande incendio di Londra si propagò nella City di Londra dal 2 al 5 settembre 1666 (12-15 settembre in calendario gregoriano), distruggendola in gran parte. Prima di questo, l’incendio del 1212, che distrusse una grossa parte della città, era conosciuto con lo stesso nome. Successivamente il raid incendiario condotto sulla città dalla Luftwaffe, il 29 dicembre 1940, divenne noto come il Secondo grande incendio di Londra.

L’incendio del 1666 fu una delle più grandi calamità nella storia di Londra. Distrusse 13.200 abitazioni, 89 chiese parrocchiali, 6 cappelle, 44 Company Hall, la Royal Exchange, la dogana, la Cattedrale di Saint Paul, la Guildhall, il Bridewell Palace e altre prigioni cittadine, la Session House, quattro ponti sul Tamigi e sul Fleet, e tre porte della città. Il numero di vite perse nell’incendio non è conosciuto, anche se tradizionalmente viene ritenuto abbastanza ridotto.

Circa 430 ettari, ben l’80% della City, andarono distrutti: 13.200 case e 87 chiese, tra cui l’amata Cattedrale di San Paolo. Mentre solo 9–16 persone vennero riportate come morte nell’incendio, lo scrittore Neil Hanson (The Dreadful Judgement) crede che il vero numero sia nell’ordine delle centinaia o delle migliaia. Hanson ritiene che gran parte delle vittime furono persone povere, i cui corpi vennero cremati dal calore intenso dell’incendio, e quindi i loro resti non vennero mai ritrovati. Questa ipotesi resta comunque controversa.

Si ritiene che la furia distruttrice di questo incendio non sia mai stata superata al mondo da un incendio accidentale. All’interno delle mura esso consumò quasi cinque sesti dell’intera città e fuori dal perimetro delle mura colpì uno spazio esteso quasi quanto la sesta parte, che non fu toccata dal fuoco all’interno. Praticamente nessun edificio che venne a contatto col fuoco rimase in piedi. Edifici pubblici, chiese e abitazioni vennero accomunate da un unico destino.