Un post contro la festa musulmana del sacrificio: aggredito consigliere di FI

Un consigliere comunale di Forza Italia di Massa ha scritto un post contro la macellazione degli agnelli durante la festa musulmana del sacrificio e poche ore dopo è stato aggredito in casa. L’esponente politico ha denunciato tutto alla polizia sostenendo di aver riconosciuto nell’aggressore un pastore e allevatore di ovini che a Massa, secondo lo stesso consigliere anche aggirando le norme, vende i capi a persone di religione islamica.

 Dal post sulla festa musulmana alle botte per il consigliere Stefano Benedetti

E’ accaduto al consigliere comunale di Forza Italia di Massa Stefano Benedetti, aggredito nella sua abitazione intorno alle 12,30 dopo la pubblicazione del post sulla festa musulmana del sacrificio.  Ha ricevuto un pugno in pieno viso, ha raccontato, un vaso in testa, cazzotti nello stomaco e sulla schiena. L’aggressore ha spaccato il vetro di una finestra ed è entrato in casa, costringendo Benedetti a rinchiudersi in bagno per sfuggire alla sua furia. Prima di andarsene l’aggressore ha devastato il salotto del consigliere comunale, che ha già sporto denuncia alla polizia. Benedetti sostiene di aver riconosciuto l’uomo penetrato nella sua abitazione, ma sono in corso accertamenti. Nel post di Facebook il consigliere aveva scritto che durante la festa vengono sgozzati numerosi agnelli, denunciando anche la vendita illegale di questi animali ad opera di un pastore massese.