L’ira di Trump contro Hillary: «Pagherà per i suoi insulti ai miei sostenitori»

FacebookPrintCondividi

Hillary Clinton è stata così offensiva con i suoi insulti ai miei supporter, milioni di persone e di lavoratori meravigliosi. Penso che le costerà molto alla urne”: cosi’ Donald Trump su Twitter replica in prima persona alle parole della candidata democratica che ha definito parte dei sostenitori del tycoon dei “miserabili”. La prima risposta era stata del  capo della campagna di Trump, Kellyanne Conway. La campagna dei democratici contro Trump si sta facendo di, giorno in giorno,  sempre più velenosa. Anche lo star sistem, notoriamente vicino alla sinistra, si sta mobilitando contro il candidato dei repubblicani con attacchi sempre più beceri. L’ultimo quello di Barbra Streisand che fa il verso a Trump, con una parodia di una canzone per il ”pagliaccio”. L’artista si è esibita durante una raccolta fondi per Hillary Clinton, ieri a New York, con una parodia della canzone di Stephen Sondheim ‘Send in the Clowns (Entrino i Pagliacci)‘, con un testo che ha preso di mira candidato repubblicano alla Casa Bianca.

Anche Obama attacca Trump

Tutto questo accade mentre si registrata l’ennesimo intervento a gamba tesa di Obama contro Trump. “La paura del terrorismo non deve stravolgere i nostri valori”. “E non possiamo seguire chi vorrebbe dividerci o reagire in una maniera che intacchi il tessuto della nostra società”: è il messaggio del presidente Usa in occasione del quindicesimo anniversario degli attentati dell’11 settembre 2001. Un messaggio con cui il presidente americano invita, non tanto implicitamente, gli americani a diffidare delle ricette proposte in campagna elettorale da Trump. “Solo salvaguardando i nostri valori rispetteremo l’eredità di coloro che abbiamo perso”.  Tutti questi attacchi, sempre più beceri, dimostrano però il fatto che i democratici Usa hanno davvero paura di perdere. Non è certo un caso che, in base agli ultimi sondaggi, Trump sia in testa nel voto popolare.