Libia, doveva essere un rapimento lampo. Uno già sfuggito a 2 imboscate

FacebookPrintCondividi

Era già sfuggito a due imboscate, nel 2014, da parte dei predoni del deserto. Ma in Libia, dopo un breve periodo a casa, nel bellunese, Danilo Calonego, 68 anni di Peron di Sedico, aveva voluto ritornarci quasi subito. All’agguato di ieri però il tecnico altoatesino non è riuscito a fuggire ed è stato rapito ieri mattina a sud della Libia al confine con l’Algeria con l’altro italiano, il piemontese Bruno Cacace, e un canadese dipendenti di una società che lavora per l’aeroporto di Ghat.
«La Libia è tremenda dopo Gheddafi – raccontava due anni fa Calonego – un disastro».
Giramondo per vocazione il tecnico italiano aveva iniziato a lavorare come apprendista meccanico a Sospirolo, nel bellunese, per poi trasferirsi per dieci anni in Svizzera e, quindi, nel 1979, in Libia.
Il meccanico bellunese si era sposato due volte: dalla prima moglie ha avuto due figlie e una terza figlia dalla seconda moglie, una marocchina.
Si definiscono, intanto, meglio i contorni della vicenda.
«Li hanno fermati in mezzo alla strada, nel deserto. Probabilmente hanno visto un’auto ferma e hanno rallentato pensando fosse in panne..», rivela Pier Luca Racca, che per dieci anni ha lavorato in Libia, anche al cantiere dell’aeroporto di Ghat, e che conosce i due italiani rapiti con i quali ha anche lavorato.
«Ho parlato con un nostro referente libico, è stato lui a raccontarmi queste cose», spiega l’uomo, che nel 2014 è tornato a vivere a Mondovì, in provincia di Cuneo, dove ora gestisce una edicola. «In Libia non era più come una volta – spiega – così dopo dieci anni abbiamo deciso di tornare a casa. Ho provato a chiamare alcuni colleghi che sono ancora là, ma il telefono neppure squilla…».

Doveva essere un rapimento-lampo nella zona
controllata da tribù tuareg e trafficanti

E una delle ipotesi all’esame di chi sta seguendo il caso dei due lavoratori italiani rapiti ieri a Ghat in Libia insieme ad un canadese è che quello che doveva essere un “rapimento lampo” con immediato pagamento di un riscatto e rilascio degli ostaggi, non si è chiuso subito.
E’ quindi iniziata una fase delicatissima che può diventare pericolosa man mano che passa il tempo.
La zona del sequestro è ben conosciuta dall’intelligence. Si tratta di un’area nella quale imperversano tribù tuareg e trafficanti di ogni tipo.
Ma, purtroppo, non mancano infiltrazioni jihadiste.
Quella del gruppo criminale comune sembra, dunque, per ora, la pista privilegiata per risalire agli autori del sequestro.
Come l’esperienza del precedente rapimento dei quattro operai della Bonatti in Libia insegna, tuttavia, il fatto non costituisce alcuna garanzia di una rapida risoluzione del caso.
L’Aise, i Servizi segreti italiani focalizzati sull’estero, si è subito messo al lavoro con i suoi contatti locali per identificare i sequestratori e capire il tipo di richieste che partiranno. Coinvolta naturalmente anche l’azienda Conicos che impiegava i lavoratori e che ha uffici in Libia.
Il rapimento è avvenuto ieri mattina, la Farnesina ha confermato in serata la notizia che era cominciata a circolare su alcuni media.
Un lasso di tempo in cui sono stati fatti i massimi sforzi per risolvere velocemente il caso prima che diventasse pubblico. Ma senza risultat.
Ora l’obiettivo è capire con certezza chi ha in mano gli ostaggi e che tipo di contropartita vuole.
Quello che si tenta in tutte le maniere di scongiurare è il passaggio di mano ad altri gruppi, di matrice jihadista, che potrebbero utilizzarli per rivendicazioni “politiche” contro la presenza italiana e in Libia.

Bruno Cacace doveva rientrare a breve in Italia
aveva appena finito il lavoro all’aeroporto

Si è anche saputo che Bruno Cacace doveva rientrare a breve in Italia giacché i lavori della Con.I.Cos all’aeroporto di Ghat erano terminati e il tecnico ne avrebbe approfittato per trascorrere alcuni mesi a Borgo San Dalmazzo, il paese in provincia di Cuneo di cui è originario.
Lo ha rivelato un’amica di famiglia, Alda, che questa mattina ha fatto visita all’anziana madre dell’italiano sequestrato.
«Ho voluto abbracciare Maria Margherita (la madre del tecnico che ha 86 anni, ndr) e dirle che le siamo vicini in questo difficile momento», spiega Alda.
«Bruno doveva tornare a giorni – racconta – aveva finito il lavoro all’aeroporto e si doveva fermare qualche mese per poi fare ritorno in Libia e iniziare un altro lavoro».
«Siamo preoccupati per il nostro Bruno – dice Carlo Giraudo, amico di vecchia data dell’italiano rapito – Da giovani giocavamo insieme a bocce, poi Bruno aveva avuto un infortunio sul lavoro e aveva dovuto smettere – afferma -. L’ho visto prima dell’estate dopo un po’ di anni, era un po’ preoccupato per la sua vita in Libia e mi diceva che doveva spostarsi sempre con la scorta».