Produceva borse e indumenti contraffatti: denunciato un senegalese

La Guardia di Finanza di Porto Recanati ha sequestrato un laboratorio clandestino per la realizzazione di capi di abbigliamento contraffatti allestito in un appartamento dell’Hotel House, un condominio multietnico. Sequestrati oltre 20 mila pezzi fra capi di abbigliamento, etichette, cliché, punzonatrici e macchine da cucire. I finanzieri hanno trovato anche giubbotti, borse e maglieria già confezionati per la commercializzazione, tutti con marchi contraffatti delle più note griffe oltre a etichette, punzoni, bottoni e quant’altro serve per far diventare un anonimo capo di abbigliamento un prodotto griffato. Un senegalese di 38 anni, in regola con il permesso di soggiorno e in possesso di una partita Iva per il commercio ambulante di abbigliamento è stato denunciato a piede libero. Identificate anche alcune persone che stavano lavorando nel laboratorio e la cui posizione è al vaglio dell’autorità giudiziaria. Il valore commerciale della merce sequestrata supera i 70 mila euro