“La sovranità è popolare”: a Roma il convegno del Comitato per il No

FacebookPrintCondividi

L’obiettivo è sostenere il “No alla riforma Renzi-Boschi. Contro la democrazie delle lobby, per una Repubblica presidenziale”, come recita il titolo dell’iniziativa. Ma l’incontro, che si terrà oggi, giovedì 22 settembre, alle 17, presso il Teatro Manzoni, in via Monte Zebio 14/c, sarà inevitabilmente anche un’occasione di confronto per il centrodestra romano e non solo.

Il Comitato per il No

Alla manifestazione, promossa dal Comitato per il No alla riforma Renzi – Sovranità popolare, insieme ad altre 12 sigle (Associazione giovanile forense, Accademia nazionale del Diritto, Il Giornale d’Italia, Imago, ProVita, Comitati cittadini di Roma, Italia Protagonista, Italia nazione, Cantiere Italia, Le Manif pour tous, Presidenzialisti per il no alla Costituzione truffa e Ingegneri per Roma), interverranno infatti esponenti di diversi partiti e associazioni dell’area: da Forza Italia a La Destra, da Azione nazionale a Italia protagonista.

Le relazioni dei giuristi

A moderare i lavori sarà Gaetano Lauro Grotto, coordinatore dell’Associazione giovanile forense, mentre i saluti iniziali saranno portati da Franco Mugnai, presidente della Fondazione Alleanza nazionale, Giorgio Ciardi e Fausto Orsomarso, rispettivamente portavoce romano e portavoce nazionale di Azione nazionale. A tenere le relazioni saranno Angelo Scala, presidente del Comitato sovranità popolare per il No alla riforma Renzi, Alfredo Mantovano, vicepresidente del Centro studi Rosario Livatino, e Carlo Testa, presidente dell’Accademia nazionale del Diritto.

L’approfondimento politico

Seguiranno poi gli interventi di taglio più prettamente politico, sebbene non mancheranno altri approfondimenti di tipo giuridico. A questa parte dei lavori parteciperanno i senatori di Forza Italia Francesco Aracri e Maurizio Gasparri, il presidente dei deputati azzurri Renato Brunetta, il vicepresidente del Consiglio regionale del Lazio e leader de La Destra, Francesco Storace, il senatore leghista Raffaele Volpi, il sindaco di Ascoli Piceno, nonché avvocato, Guido Castelli, e il presidente dell’Associazione presidenzialisti per il No alla Costituzione truffa e docente di diritto alla Luiss, Giuseppe Consolo.

Il sostegno delle associazioni

All’iniziativa, inoltre, porteranno il proprio contributo anche i rappresentanti di diverse associazioni, fra i quali Valentina Cardinali del Comitato sovranità popolare, Augusto Caratelli del Movimento comitati cittadini di Roma, Luca Sbardella di Italia protagonista, Alessandro Fiore di Pro Vita onlus, Cristian Testa di La manif pour tous giovani, Vincenzo Spavone di La manif pour tous, Gerardo Valentini del Movimento Cantiere Italia e Franco Aicardi di Italia nazione.