La Clinton alla Cnn: «La polmonite? Non pensavo che fosse un problema…»

Top secret sulle condizioni di salute di Hillary Clinton che non ha rivelato immediatamente la diagnosi di polmonite perché, come ha detto alla Cnn, non pensava «che sarebbe stato un grosso problema». La candidata democratica alla presidenza Usa ha aggiunto di sentirsi meglio dal giorno del malore alla cerimonia per l’anniversario dell’11 settembre, e di non avere mai perso conoscenza. Assicura di aver avuto solo un giramento di testa dopo le polemiche sulla reale gravità del suo stato di salute e sul fatto di aver mentito.

Hillary Clinton: non sono svenuta

La Clinton ha detto alla trasmissione Anderson Cooper 360 di non essere mai svenuta: «Avevo un senso di vertigine e ho perso l’equilibrio per un minuto. Ma ho subito superato il momento. Appena ho potuto sedermi e bere un po’ d’acqua, immediatamente ho cominciato a stare meglio». Più tardi l’ex segretario di Stato, via Facebook, ha rassicurato i suoi sostenitori di «sentirsi bene» e di stare migliorando. «Sono ansiosa di tornare al lavoro – ha aggiunto la Clinton ammettendo di non avere seguito i consigli del medico – avrei dovuto stare a riposo per cinque giorni,  ma non l’ho fatto». Alla candidata democratica è stata diagnosticata la polmonite venerdì 9 settembre, ma in diverse occasioni durante i comizi della sua campagna elettorale ha avuto tosse forte e fastidiosa che in più di un’occasione l’ha costretta a interrompere i comizi. Il malore di venerdì scorso ha costretto la Clinton a sospendere momentaneamente la campagna elettorale. Anche Donald Trump annuncia cartelle cliniche che dettaglieranno le sue condizioni fisiche.