Incidente ferroviario in New Jersey. L’Fbi (per ora) esclude il terrorismo

Grave incidente ferroviario nella stazione di Hoboken per un treno di pendolari tra il New Jersey e New York, con la polizia – riportano i media locali – che parla di una possibile situazione di “mass casualities”, dunque con diverse vittime. Ma le notizie sono ancora frammentarie. Le immagini postate sui social media mostrano ingenti danni alle strutture della stazione a seguito dello scontro. Almeno una carrozza di un treno sarebbe addirittura uscita dai binari ed entrata nell’edificio. Il bilancio provvisorio parla di almeno un morto e oltre cento feriti, di cui alcuni gravi. Decine di passeggeri sono tuttora intrappolati tra le lamiere. Decine di vigili del fuoco e di uomini del soccorso sono in azione per liberarli. L’incidente ferroviariosarebbe stato provocato da cause accidentali. Si esclude al momento ogni pista che porti al terrorismo. Lo riportano alcuni media locali citando fonti Fbi e delle altre agenzie investigative federali giunte sul posto.

Il treno schiantatosi alla stazione di Hoboken è conosciuto come il treno dei pendolari. Ogni giorno è frequentato da decine di migliaia di lavoratori che si spostano dal New Jersey verso New York e la Pennsylvania. Hoboken si trova proprio di fronte a Manhattan, sul fiume Hudson, all’altezza di Midtown, sulla west side. I treni della compagnia New Jersey Transit accedono a Manhattan attraverso un tunnel ferroviario sotto il fiume, che passa poco più a sud del Lincoln Tunnel, una delle principali porte di accesso all’isola di Manhattan. L’incidente è avvenuto proprio nell’ora di punta, attorno alle 8.30 del mattino, quando treni e stazioni della linea ferroviaria sono affollatissimi. La New Jersey Transit e il più grande sistema pubblico ferroviario statale e la terza più grande società di trasporti di tutti gli Stati Uniti, unendo tre stati: New Jersey, New York e Pennsylvania