«Chi vota Trump è un miserabile»: Hillary insulta milioni di americani

FacebookPrintCondividi

Hillary Clinton ha perso il lume della ragione, solo chi è sull’orlo di una crisi di nervi, solo chi si sente seriamente minacciata dall’avversario può offendere impunemente milioni di cittadini americani: Donald Trump? Metà dei suoi elettori è un «branco di miserabili», ha detto. Una frase choc che mostra come sempre più velenosa sia la campagna dell’esponente democratica per la corsa alla Casa Bianca.

Trump a Hillary: offendi  milioni di elettori

Hillary Clinton ha usato proprio questi termini, definendo «la metà dei sostenitori di Donald Trump» come un «cesto di miserabili». Intervenendo ad un evento Lgbt a New York, ha poi affondato, definendo parte dei supporter del repubblicano «razzisti, sessisti, xenofobi e islamofobi», mentre i restanti -secondo la Clinton – «vogliono cambiare», perché delusi dalla situazione economica e dal governo, ha detto Hillary di fronte a una platea di gay, lesbiche e trans. «Ha insultato milioni di americani», ha risposto il capo della campagna di Trump, Kellyanne Conway. La dichiarazione della Clinton ha suscitato le ire del comitato Trump. In un tweet successivo, il portavoce della candidata dei democratici, Nick Merrill, ha tentato di mettere una toppa al grave insulto, precisando che il riferimento era ai cosiddetti “alt-right”, movimento di estrema destra attivo soprattutto sul web e accusato dai critici di essere espressione di bianchi nazionalisti bigotti. Il che non ne fa ugualmente dei miserabili, comunque.