Guai per Sarkozy, chiesto il rinvio a giudizio per finanziamenti illeciti

FacebookPrintCondividi

Nuova batosta giudiziaria per Nicolas Sarkozy. La procura di Parigi ha chiesto il rinvio a giudizio dell’ex presidente e candidato alle primarie per una nuova elezione all’Eliseo per i finanziamenti illeciti della campagna elettorale 2012, persa contro Francois Hollande. La procura ha chiesto il rinvio anche per altre tredici persone nell’ambito dello stesso caso, noto come “Bygmalion” dal nome della società di comodo alla quale venivano intestate le fatture per coprire gli sforamenti dei tetti per le spese elettorali stabiliti dalla legge. L’azienda è accusata di avere emesso fatture per un totale di diciotto milioni di euro così da coprire il superamento da parte del candidato del limite massimo imposto dalla legge al budget impiegato da un candidato. Nel frattempo l’inchiesta si è estesa ad altre spese sospette dell’ex Ump, una cifra pari a tredici milioni e mezzo.

Nicolas Sarkozy, i giudici hanno un mese per decidere

I giudici parigini avevano già incriminato Sarkozy per questo scandalo. Ma adesso la procura ha chiesto formalmente il rinvio a giudizio di tutti gli indagati, compreso l’ex presidente francese. I giudici istruttori hanno tempo trenta giorni per convalidare la richiesta: la loro decisione dovrebbe arrivare quindi proprio alla vigilia delle primarie del centrodestra, previste a due turni, il 20 e il 27 novembre.