Germania, boom dell’ultradestra. La Merkel sconfitta nel suo feudo

FacebookPrintCondividi

Secondo un exit-poll del primo canale pubblico tedesco Ard, il partito populista di destra Afd (Alternative für Deutschland) ha superato la Cdu della cancelliera Angela Merkel nelle elezioni regionali svoltesi oggi in Meclemburgo: l’Alternativa per la Germania avrebbe ottenuto il 21 pere cento dei voti mentre l’Unione cristiano-democratica si fermerebbe al 19 per cento, il suo peggiore risultato nel Land ex-Ddr. A vincere le elezioni sarebbero i socialdemocratici della Spd con il 30,5 per cento in calo rispetto al 35,6 per cento del 2011. Anche secondo il primo exit-poll della rete pubblica Zdf, i socialdemocratici vincono le elezioni in Meclemburgo, ma i nazional-populisti di Afd sorpassano la Cdu di Angela Merkel al secondo posto. Questi i dati in dettaglio: Spd 30%, Afd 21,5%, Cdu 20%, Linke 12,5%, Verdi 5%, Fdp 3%, Npd 3%, altri 5%.

Se i risultati degli exit poll fossero confermati, per il partito della  Merkel sarebbe il peggior risultato da quando si vota in Meclemburgo dopo la caduta del Muro. La rivelazione ‘Infratest Dimap’ attribuisce alla Cdu una flessione di 4 punti rispetto alle precedenti elezioni (l’Afd non era ancora presente nel 2011)

Anche la  prima proiezione pubblicata dal canale pubblico Ard conferma il sorpasso ai danni del partito della Merkel (19,2%) da parte dei populisti di destra dell’Afd (21,0%). Confermata per ora anche la vittoria dei socialdemocratici della Spd (30,4%) seppur con un arretramento (-5,2%) rispetto al 2011.esente nel 2011). Sempre secondo la proiezione di Ard, la Linke si ferma al 12,6% e i Verdi al 5%. Anche la prima proiezione della Zdf conferma in sostanza il suo exit poll, con l’Spd primo partito al 30,2% e con il sorpasso della destra populista di Afd al 21,4% sulla Cdu di Angela Merkel al 19,8%. Gli altri partiti: Linke 12,5%, Verdi 5%, Npd 3,2%, Fdp 3%, altri 4,9%.

La leader di Afd: “Catastrofica la Merkel sui migranti”

“Per Angela Merkel è un tonfo non solo a Berlino ma anche nel suo collegio elettorale del Meclemburgo” e “la sua catastrofica politica sull’immigrazione” ha oscurato tutti gli altri campi della politica. Lo ha detto la leader di Afd Frauke Petry. Gli altri partiti sono stati bocciati perché “per troppo tempo non hanno ascoltato gli elettori”, ha aggiunto Petry. La leader del partito nazional-populista ha concluso affermando che il suo partito farà “un buon lavoro di opposizione” e non “un’opposizione di tipo fondamentalista”.

L’autocritica della Cdu: “E’ diffusa la rabbia per i profughi”

La sconfitta della Cdu è da attribuire “alla diffusa rabbia e protesta nella popolazione” e ha a che fare “chiaramente con la discussione sui profughi”. Così ha commentato il voto in Meclemburgo il segretario generale della Cdu Peter Tauber, in collegamento con la Zdf dal quartier generale del partito a Berlino. “Ma siamo una squadra, vinciamo insieme e perdiamo insieme”, ha aggiunto Tauber