Di che centrodestra sei? Il referendum di Fratelli d’Italia: gazebo in tutta Italia

Largo Goldoni ore 12, a due passi da Montecitorio, parte la campagna di Fratelli d’Italia per il primo “referendum propositivo” della storia d’Italia. Negli oltre 100 gazebo allestiti in tutta Italia dai militanti del movimento guidato da Giorgia Meloni saranno montati veri e propri seggi elettorali. Vota e decidi di che centrodestra sei: ai cittadini verrà distribuita una scheda con la quale potranno esprimersi sui temi prioritari delle politiche di governo:  dall’Unione europea all’immigrazione, dalle tasse al referendum costituzionale, dalla lotta all’integralismo islamico all’euro. Sarà anche possibile votare online: una consultazione popolare per verificare “dal basso” la linea politica fuori dal Palazzo.

Fratelli d’Italia lancia il referendum propositivo

«Proprio mentre Renzi rinvia a novembre il referendum costituzionale – spiegano i dirigenti di Fratelli d’Italia –  noi abbiamo deciso di scendere in piazza per chiedere ai cittadini nella maniera più semplice possibile, la loro opinione su temi di grande interesse». A inaugurare la campagna nella Capitale Fabio Rampelli, capogruppo di Fratelli d’Italia alla Camera, che ha puntato l’attenzione sulla necessità di uscire dalle guerre ideologiche e dalle astrazioni per sondare i sentimenti dei cittadini sulle emergenze dell’agenda politica, sull’operato del governo. Ma anche per permettere agli italiani di scegliere nel nome del popolo sovrano quale centrodestra vogliono.

Meloni e Rampelli danno lo start

La neo-mamma Giorgia Meloni, che ovviamente non ha potuto partecipare per la nascita della piccola Ginevra, nei giorni scorsi ha spiegato l’obiettivo della mobilitazione, che rappresenta anche un segnale interno agli alleati. «Con questa iniziativa – ha spiegato la leader di Fratelli d’Italia – vogliamo che siano i cittadini a dettare le condizioni ai partiti del centrodestra sui presupposti irrinunciabili da cui deve ripartire una proposta politica vincente alternativa alla sinistra e a Renzi. Il centrodestra così come lo abbiamo conosciuto è finito e va rifondato a partire dalla partecipazione, dalle idee e dai contenuti». La manifestazione vedrà coinvolti tutti i capoluoghi di Regione e centinaia di piccoli e grandi Comuni italiani.