Contrordine: Brexit costerà alla Gran Bretagna molto meno del previsto

FacebookPrintCondividi
Il voto del Regno Unito su Brexit con buone probabilità diventerà il più grande non evento dell’anno. Al di là di una sterlina più debole e di tassi di interesse più bassi nel Regno Unito, il referendumnonha avuto un impattomolto duraturo. I costi di Brexit sono statiesagerati? Non esattamente. In effetti, il Regno Unito potrebbe finire per perdere il 2-3% del Pil a causa della Brexit. Ma è l’uscita dal mercato unico che porterà tali perdite, e ciò potrebbe accadere per un lungo periodo. Se l’uscita si trasforma in un processo lungo dieci anni, le perdite ammonterebbero circa allo 0,2-0,3% del Pii all’anno, in media, si legge su “Il Sole 24 Ore“.

Regno Unito potrebbe finire per perdere il 2-3% del Pil a causa della Brexit

Con una valuta più debole, il Paese beneficerà di un aumento della competitivita delle esportazioni che potrebbero compensare tali perdite incrementali e la debolezza transitoria degli investimenti. Altri fattori attenueranno il colpo della Brexit. Negli ultimi due decenni, il Regno Unito ha trasformato la sua economia per favorire la specializzazione nel settore dei servizi. Oggi, esporta principalmente servizi – per lo più verso i mercati extra-Ue.

Il valore aggiunto nelle esportazioni delle merci britanniche verso l’Ue rappresenta solo il 5% del Pil

Nel frattempo, le esportazioni della Gran Bretagna verso i Paesi non comunitari rappresentano circa il 7% del Pil. Il fatto che il Regno Unito ora faccia affidamento più sull’accesso ai mercati mondiali che al mercato interno comunitario ha contribuito al voto sulla Brexit, poiché ha ridotto al minimo il sacrificio che il Regno Unito avrebbe dovuto fare per riprendere il controllo su questioni scottanti come l’immigrazione. La convinzione che il Regno Unito potrebbe avere un accesso migliore ai mercati mondiali da solo che come parte dell’Unione ha anche aiutato in tal senso. E qui che la scommessa Brexit diventa più rischiosa. L’approvazione degli accordi commerciali sarà molto più facile per il Regno Unito di quanto lo sia per l’Unione europea, che richiede il via libera di 30 parlamenti (compresi alcuni regionali). Ma il Regno Unito avrà anche meno potere nei negoziati rispetto all’Unione Europea, soprattutto nei rapporti con le grandi economie emergenti. Allo stesso modo, il Regno Unito non deve temere grandi cambiamenti nella sua capacità di esportare servizi verso l’Ue, che rappresenta circa il 40% del totale nel Regno Unito, perché il mercato dei servizi interno dell’Ue è già lontano dall’essere aperto. Ma c’è un’eccezione: i servizi finanziari. Ed è una grande eccezione. Allo stato attuale, i servizi finanziari rappresentano circa un terzo del totale delle esportazioni di servizi della Gran Bretagna e due terzi del surplus di servizi complessivi che il Regno Unito deve pagare peri il suo deficit sulle merci.Il successo del settore è il risultato, almeno in parte, dell’adesione del Regno Unito all’Ue.