Anziano ucciso durante una rapina in casa: arrestato un altro romeno

Un’altra svolta, un altro romeno finito in manette. C’è stato il secondo arresto dei carabinieri nell’ambito delle indagini sull’anziano ucciso nel corso di un’aggressione in casa. La vittima si chiamava Giuseppe Ciuffreda e aveva 86 anni. Preso a botte in modo violentissimo, rimase gravemente ferito nel corso della rapina compiuta nella sua abitazione di Carpino (Foggia) il 28 febbraio scorso. Poi, a causa delle ferite riportate nel pestaggio, morì il 10 maggio nell’ospedale Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo, dove era stato ricoverato.

L’anziano ucciso e la rapina nel cuore della notte

La vicenda dell’anziano ucciso ha fatto molto scalpore per la violenza subìta e per le modalità. Ciuffrida fu infatti aggredito nel cuore della notte e i rapinatori riuscirono a fuggire dopo essersi impossessati di un libretto bancario. I carabinieri del Comando provinciale di Foggia, dopo averlo rintracciato in Romania, hanno collaborato all’arresto di Cristi Iulian Alistar, ventiduenne romeno, colpito da mandato di arresto europeo poiché gravemente indiziato dei reati di omicidio e rapina aggravata. Le indagini dei militari, coordinate dalla Procura di Foggia, nel giugno scorso avevano consentito di identificare ed arrestare, sulla base di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, il presunto complice di Alistar, il cittadino romeno Dan Ionut Dragus.