Amatrice, certificate antisismiche dal Genio Civile le case crollate dell’Ater

FacebookPrintCondividi

Il sisma che ha colpito il Centro Italia e, in particolare, i comuni di Amatrice e Accumoli, ha fatto crollare perfino due edifici dell’Ater di Rieti, l’Azienda territoriale per l’edilizia residenziale, che erano dotati di certificazione antisismica rilasciata del Genio Civile di Rieti l’11 luglio 1985, oltre che di autorizzazione all’abitabilità rilasciata dal Comune di Amatrice il 9 ottobre 1989. E il crollo ha portato alla morte di oltre 20 inquilini delle case popolari.
La questione, che riporta al centro del dibattito l’inadeguatezza delle normative antisismiche e dei controlli dei tecnici dello Stato piuttosto che le responsabilità degli amministratori locali costretti, in qualche maniera, a sottostare alle decisioni e alle certificazioni dei tecnici, è stata rivelata in tutta la sua drammaticità dal commissario straordinario dell’Ater di Rieti, Eliseo Maggi, il quale ha tracciato un primo bilancio sul sisma che ha colpito i due Comuni dopo le verifiche avviate per valutare i danni riportati dal patrimonio immobiliare gestito dallo stesso ente.
Nel territorio del Comune di Amatrice gli immobili ex-Iacp, poi diventati Ater, sono 5, 2 dei quali sono crollati causando la morte di oltre 20 residenti.
Si tratta delle due palazzine di Piazza Sagnotti, con 6 alloggi ciascuna (10 alloggi su 12 a partire dal 2001 sono stati riscattati dagli inquilini), entrambe costruite tra il 1974 e il 1977, secondo la normativa antisismica vigente all’epoca.
«Entrambe – scrive in una nota lo stesso Commissario – risulterebbero dotate di certificazione antisismica rilasciata del Genio Civile di Rieti l’11 luglio 1985, oltre che di autorizzazione all’abitabilità rilasciata dal Comune di Amatrice il 9 ottobre 1989».
Ater afferma che «non risultano essere mai stati ottenuti, e di conseguenza non sono mai stati utilizzati, fondi del sisma del 1997, in quanto all’epoca negli edifici in oggetto non furono riscontrati danni tali da dover intervenire sulla parte strutturale».
Un altro immobile, in via Muzi, sempre ad Amatrice, secondo quanto riferisce Ater Rieti, da una prima valutazione pare abbia riportato lesioni diffuse pur resistendo al devastante sisma. L’edificio è stato ultimato nel 1955 e anch’esso risulta ceduto per 5/6 agli inquilini dopo una procedura di riscatto. Ulteriori due immobili, siti in via San Cipriano, infine, avrebbero riportato delle lesioni contenute.
Gli edifici contano complessivamente 22 alloggi, solo tre dei quali ancora di proprietà dell’Ater. «Le verifiche interne proseguiranno – ha detto il Commissario di dell’Ater Eliseo Maggi – e presso i nostri uffici è a disposizione degli inquirenti la documentazione relativa alla storia dei fabbricati in oggetto. Sul fronte operativo abbiamo già avviato sopralluoghi al fine di individuare le iniziative per poter intervenire prontamente con l’obiettivo di rendere gli immobili nuovamente utilizzabili».