Alluvioni al sud, morto un uomo rimasto bloccato in auto vicino Foggia

Alluvioni in tutto il sud, dal Molise alla Puglia, dove si registra la situazione più grave con esondazioni dei fiumi e chiusura di molte strade. Un uomo, non ancora identificato, è morto annegato a causa del maltempo nel Foggiano, trascinato con la sua auto dall’acqua e dal fango. Secondo quanto riferito dalla Polizia stradale di Foggia, la vittima viaggiava a bordo di una Lancia Y e stava percorrendo la strada provinciale 35 che collega San Severo a Torremaggiore. L’incidente sarebbe avvenuto nella tarda mattina e il corpo dell’uomo è stato recuperato nel pomeriggio dai vigili del fuoco. La tragedia si è verificata in via vecchia Fortore, a ridosso dell’omonimo fiume che è in piena. Secondo quanto riferito dalla Polizia stradale di Foggia, i nubifragi abbattutisi in provincia di Foggia hanno costretto alla chiusura delle provinciali 35, 28 30 e 142 e di un tratto della statale 89 “Garganica”. Due anni fa, sempre ai primi di settembre, una alluvione nella zona del Gargano causò (6 settembre 2014) la morte di un allevatore, Antonio Facenna, che perse la vita nel disperato tentativo di salvare gli animali della sua masseria. Nella tarda mattinata è partita, diretta in Puglia, dai Comandi dei Vigili del fuoco di Campobasso e Isernia, la Sezione Alluvione con 9 uomini e 6 mezzi. I pompieri molisani vanno a supportare il Comando di Foggia alle prese con le piogge abbondanti delle ultime ore che stanno creando gravi danni al territorio.

Il maltempo peggiorerà al sud

Un’area di bassa pressione staziona sulle regioni centro-meridionali italiane determinando condizioni di spiccata instabilità, con fenomeni più frequenti sui settori ionici peninsulari. Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso un ulteriore avviso di condizioni meteorologiche avverse che prevede dal mattino di domani, sabato 10 settembre, il persistere di precipitazioni, a prevalente carattere di rovescio o temporale, su Puglia, Basilicata e Calabria, specie sui settori ionici. I fenomeni temporaleschi saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica, locali grandinate e forti raffiche di vento. Sulla base dei fenomeni previsti è stata valutata per oggi e domani allerta arancione su Puglia, Basilicata e Calabria mentre l’allerta è gialla per domani su Appennino Marchigiano meridionale, Umbria meridionale, Abruzzo, Molise e Sicilia.