AfD: “La gente vota noi perchè è stufa della Merkel. Sui migranti ha fallito”

FacebookPrintCondividi
Beatrix von Storch, leader della AfD a Berlino e vice presidente nazionale, nota per le sue uscite spesso controverse, lancia la sfida. Qual è il vostro obiettivo? «Anche se dovessimo raccogliere il 9% sarebbe un enorme successo in una città per noi difficile come Berlino, ma credo che centreremo un risultato a due cifre. Sarebbe la conferma che siamo fermamente radicati nel panorama politico». Secondo il sindaco Müller un risultato del 10-14% per la AfD «verrebbe interpretato in tutto il mondo come un segnale del ritomo della destra e dei nazisti in Germania», si legge su “la Stampa”.

AfD: «C’è insoddisfazione nei confronti del governo”

«È uno scandalo. Questa frase è un’intollerabile minimizzazione dei nazisti. È indegno per un borgomastro di Berlino affermare una cosa simile e dipingere i nostri elettori come gente di estrema destra». Perché votano AfD? «C’è grande insoddisfazione nei confronti del governo, che riguarda soprattutto la gestione della crisi migratoria. Su questo esprimiamo una posizione diversa dagli altri partiti e che i cittadini appoggiano. Per questo veniamo votati. Noi vogliamo aiutare le persone, ma non possiamo aiutare tutti i rifugiati di guerra e tutti i poveri di questo mondo qui da noi. La sua proposta? «Non possiamo accogliere altre persone. I migranti economici vanno espulsi».

AfD: “I migranti economici vanno espulsi”

La Germania dovrebbe chiudere le frontiere? «Si. Funziona, basta guardare ai Paesi che l’hanno fatto». In passato lei non ha escluso l’uso delle armi alle frontiere per impedire l’ingresso di donne e bambini. «Non vogliamo sparare a nessuno. L’unico che crede di poter chiudere i confini usando le armi è Erdogan. Gli abbiamo affidato la difesa delle nostre frontiere e lui che fa? Costruisce sistemi a sparo automatico. E spara sui bambini, solo che qui non ne parla nessuno, anzi, restiamo al suo fianco. La cancelliera è responsabile per i morti alla frontiera turco-siriana».