Violenze all’asilo nido, scivolone di “Repubblica”. E Calabresi si scusa

FacebookPrintCondividi

È polemica su una frase scritta da La Repubblica sul caso dei maltrattamenti dei bambini in un asilo privato a Milano, per i quali è stato arrestato anche il titolare di origini sarde: «Non sale dalla profonda Barbagia il racconto dei maltrattamento dei piccoli alunni. Tocca Roma, Grosseto, Pisa, Bolzano», ha scritto il giornalista ricordando i casi precedenti. A sollevare il caso, parlando di «un articolo vergognoso e razzista verso i sardi», Ugo Cappellacci, coordinatore di Forza Italia-Sardegna, che sottolinea: «È inaccettabile che si manifesti in maniera così esplicita un pregiudizio vergognoso e che il fatto che le storie di violenza non giungano dalla nostra terra». Quasi immediate le scuse via Twitter del giornalista Corrado Zunino e del direttore Mario Calabresi. «Oggi, raccontando le violenze negli asili italiani, ho offeso la Barbagia. Un grave scivolone di cui mi scuso molto», scrive il primo. «Oggi @repubblicait ha offeso la Sardegna, anche i migliori come @corzunino sbagliano, mi scuso molto anche io», commenta Calabresi.