Trieste, scontro frontale tra due tram: feriti sei passeggeri e due macchinisti

FacebookPrintCondividi

Scontro frontale tra due tram che collegano Trieste a Opicina. Secondo le prime ricostruzioni i due tram si sono scontrati frontalmente per motivi ancora in corso di accertamento. Otto i feriti, tra questi i due autisti e sei passeggeri. Per sette di loro si tratta di ferite lievi, mentre una persona ha riportato conseguenze un po’ più serie, ma comunque non tali da destare preoccupazione. Per nessuno si è reso necessario il ricovero. L’incidente tra i due tram ha provocato anche lunghe code lungo la via Commerciale a Trieste, principale arteria che collega l’altipiano alla città.

Trieste, il tram di Opicina è un simbolo asburgico

A rendere meno gravi gli effetti dello scontro avvenuto a Trieste è il fatto che i tram viaggiano su un percorso molto impervio e, pertanto, a velocità molto bassa. Il tram di Opicina, noto anche come Trenovia di Opicina, è una delle principali attrazioni turistiche di Trieste, una linea panoramica urbana gestita da Trieste Trasporti. E rappresenta un simbolo della Trieste asburgica. Fu infatti inaugurata nel 1902 e da allora continua a collegare il capoluogo con l’altopiano carsico. È  inoltre l’unica linea in Europa ad avere un tratto di poco meno di un chilometro con una pendenza che raggiunge il 26%.

 Il sindaco Dipiazza: incidente inammissibile

Immediata la reazione del sindaco Roberto Dipiazza: «L’incidente è inammissibile e inaccettabile. Sulla linea, in questi anni, sono stati investiti decine di milioni di euro per il suo efficientamento, un incidente di questo tipo non può e non deve accadere». Il sindaco ha espresso «vicinanza ai feriti e ai macchinisti delle vetture del tram di Opicina». «Chiederò alla Trieste Trasporti una relazione di quanto accaduto – ha concluso il sindaco – e l’avvio di un’inchiesta interna per accertare le responsabilità».