Trema anche Berlino: in crescita la destra di Alternativa per la Germania

Perdite per i due maggiori partiti tedeschi, l’Unione cristiano-democratica (Cdu) della cancelliera Angela Merkel ma soprattutto per la socialdemocratica Spd partner del governo di Grande Coalizione, vengono previsti da un sondaggio pubblicato oggi circa due elezioni regionali che si svolgeranno il mese prossimo (Berlino il 4 settembre e in Meclemburgo il 18). La rilevazione condotta per il quotidiano Bild prevede soprattutto un risultato tra il 14 e il 19% per l’Afd, Alternativa per la Germania, il nuovo partito di destra anti-euro e anti-islam finora non rappresentato nelle due assemblee regionali.

A Berlino l’Afd dovrebbe avere il 14 per cento

In Meclemburgo-Pomerania anteriore, secondo il sondaggio dell’istituto Insa, la Spd rispetto alle elezioni di cinque anni fa dovrebbe perdere 11 punti scendendo al 24% ma restando davanti alla Cdu, che a sua volta dovrebbe restare invariata al 23%. L’Alternative fuer Deutschland (Afd) lotterebbe per il terzo posto a quota 19% con il partito di sinistra della Linke. La formazione di estrema destra Npd, col 3%, non riuscirebbe a superare la soglia di sbarramento. Pure nella città-regione Berlino la Spd dovrebbe finire in testa col 23% (in calo dal 28,3%) davanti alla Cdu (18% e anch’essa in flessione rispetto al 23,4% del 2011). Nel parlamento della capitale Alternativa per la Germania entrerebbe col 14%.