La terra ha tremato ancora: nuova forte scossa ad Amatrice, altri crolli

Ancora paura, ancora macerie, la terra non si ferma e si accanisce. E’ stata di magnitudo 4.8 la forte scossa avvertita questa mattina alle 6:28 ad Amatrice (Rieti). Lo ha reso noto sul suo sito l’Istituto nazionale di geofisica (Ingv). Nel quarto d’ora successivo nella zona sono state registrate altre 8 scosse, da 2.0 a 2.8 di magnitudo. Nuovi crolli, anche pesanti, si sono verificati nel centro di Amatrice, lo ha riscontrato uno degli inviati dell’Ansa sul posto. I crolli non hanno coinvolto le squadre dei vigili del fuoco che sono al lavoro in due luoghi distinti di corso Roma: l’Hotel Roma, da dove è stata estratta una vittima, e una casa privata.

Un’altra notte da incubo ad Amatrice

Nella notte erano state registrate altre quattro scosse, tra le 2 e le 2.30, la più forte di 3.8 gradi Richter (il sisma era stato di magnitudo 6.0), secondo l’Istituto nazionale di Geofisica e vulcanologia (Ingv). I nuovi movimenti della terra hanno reso angosciosa la seconda notte nelle tendopoli delle centinaia di sfollati, in aggiunta alla temperatura scesa a 8-10 gradi. Il bilancio delle vittime del sisma in Centro Italia, aggiornato dal Dipartimento della Protezione Civile, è di 267 morti. Delle 267 vittime del sisma del 24 agosto, 207 hanno perso la vita ad Amatrice, 49 ad Arquata e 11 ad Accumoli. I feriti passati per gli ospedali di Lazio, Umbria e Marche sono 387, ma si sta verificando quanti ancora siano ospedalizzati.