Tel Aviv: scoperto il meccanismo per fermare le metastasi del melanoma

A 24 ore dall’annuncio dell’importante scoperta italiana, ecco un nuovo passo per sconfiggere il melanoma. Scienziati israeliani e tedeschi hanno reso noto di aver individuato il meccanismo attraverso il quale il tumore maligno della pelle si diffonde agli altri organi del corpo umano e il modo di fermarne le metastasi. Tanto da far dire al dottor Carmit Levy, direttore del team di studiosi israelo-tedesco, che la scoperta «è un passo importante sulla strada per un completo rimedio al più mortale cancro della pelle. Confidiamo – ha aggiunto – che i nostri risultati ci aiutino a trasformare il melanoma in una malattia non minacciosa e facilmente curabile». Lo studio – pubblicato sulla rivista Nature Cell Biology – dimostra che prima di diffondersi ad altri organi, «il tumore emette minuscole vescicole con molecole endogene di acido ribonucleico (microRna). Sono loro a provocare cambi morfologici nel derma in preparazione del ricevimento e del trasporto delle cellule cancerose». I ricercatori – che fanno parte della Tel Aviv University e del German Cancer Research Center di Heidelberg – hanno anche annunciato di aver trovato «sostanze chimiche che possono mettere fine al processo e che sono promettenti candidati farmaci».

Da Tel Aviv si apprende che il cancro si può combattere prima che invada il derma

Dopo aver ricordato che «la minaccia del melanoma non risiede nel tumore iniziale che appare sulla pelle, quanto piuttosto nelle sue metastasi», Levy ha spiegato che la ricerca si è concentrata «sugli stadi iniziali della malattia prima della fase invasiva e che con grande sorpresa degli scienziati sono stati scoperti cambiamenti, prima non riportati, nella morfologia del derma, lo strato interno della pelle. Il passo successivo è stato scoprire cosa erano questi cambiamenti e come fossero collegati al melanoma». Punto di svolta è stata la scoperta che – contrariamente a quanto si sapeva fino ad oggi – prima ancora che «il cancro stessa invada il derma, emette appunto minuscole vescicole di microRna e che queste inducono cambi strutturali nel derma stessa per ricevere e trasmettere il tumore alle cellule. Ed oggi ci è chiaro che bloccando queste vescicole, siamo in grado di fermare anche la malattia». I farmaci candidati individuati sono due sostanze chimiche: la prima, SB202190, inibisce il rilascio delle vescicole dal melanoma al derma; la seconda, U0126, previene i cambi morfologici nel derma stesso anche dopo l’arrivo delle vescicole. Entrambe le sostanze – ha sottolineato Levy – sono state testate con successo in laboratorio e possono servire come candidate a future medicine. «Per di più – ha aggiunto il direttore del team tramite l’ufficio stampa del governo israeliano – i cambi nel derma, come le vescicole stesse, possono essere usate come indicatori potenti per la diagnosi precoce del melanoma».