Schifani e Azzolini tornano con il Cav: insanabili le divergenze con Alfano

FacebookPrintCondividi

L’ex capogruppo di Ap Renato Schifani torna in Forza Italia. Ad annunciarlo è una nota di FI. Schifani ha «continuato a coltivare le radici e i valori fondativi di FI, tanto da essere indotto al gesto di abbandono della sua importante carica nel momento in cui ha riscontrato una divergenza insanabile tra l’indirizzo politico di Ap ed il suo pensiero», si legge nella nota nella quale si spiega come Silvio Berlusconi abbia accolto «con favore» la disponibilità di Schifani a tornare in FI.

La soddisfazione di FI per il ritorno di Renato Schifani

«La ricostruzione di un forte e ampio schieramento di centrodestra passa anche dal rinnovato coinvolgimento delle personalità che hanno fatto parte della sua storia e che vogliono contribuire al suo futuro. La scelta di Renato Schifani di riavviare il percorso comune all’interno di Forza Italia non può che essere salutata con favore ed è in linea con la necessità che lavori alla costruzione dell’alternativa di governo alla sinistra di Renzi chiunque si riconosca nei valori, nei principi e nella visione del Paese di centrodestra». Lo afferma il presidente dei senatori Fi Paolo Romani. «Il suo ritorno è un tassello, importante, di questo percorso, per il rilievo della figura politica e la rilevanza del contributo che potrà dare. A nome di tutto il gruppo voglio dare il nostro sincero benvenuto a Renato Schifani», conclude.

Anche Azzolini torna tra gli azzurri

Dopo Renato Schifani anche Antonio Azzollini torna in FI: «Chi ritiene che sia fondamentale per la politica e per l’economia la ricostruzione di un centrodestra forte e coeso non può che far riferimento a FI e a Berlusconi. Da tempo esprimevo rilevanti ragioni di dissenso da Ap, consapevole che il nostro elettorato chiede di essere rappresentato da uno schieramento palesemente alternativo alla sinistra. Tornare in FI è logica conseguenza, una scelta dettata dalla necessità di continuare a tener fede agli ideali in cui credo».