L’annuncio furbetto di Renzi: niente interviste, io guardo gli azzurri del volley…

“Diamo le giuste priorità, amici”. E’ Matteo Renzi che parla via Facebook e annuncia pubblicamente che domani invece di recarsi alla Versiliana per essere intervistato da Paolo Del Debbio starà davanti alla tv per tifare la squadra maschile italiana di volley impegnata in una storica finale con il Brasile. “Alle 18 vediamo lo Zar e i suoi compagni di RaiDue e ascoltiamo la telecronaca dei mitici Antinelli e Lucchetta. Prima il volley, poi la Versiliana. Viva l’Italia, viva le Olimpiadi”. Alla fine della partita, si concederà all’intervista, non prima.

Ancora una volta il premier ha fiutato furbescamente l’aria che tira: il mitico duello tra Italia e Stati Uniti, dominato dallo “zar” Ivan Zaytsev, che ha portato gli azzurri verso il sogno dell’oro olimpico ha affascinato gli italiani, che hanno seguito una gara coinvolgente e durissima esultando alla fine per la splendida prova della squadra di Chicco Blengini. Domenica alle 18 la finalissima con il Brasile. E chi se la vuole perdere? Non certo Renzi che su ogni trionfo italiano mette cappello, come ha tentato di fare anche all’inizio delle gare olimpiche a Rio, presenziando alla cerimonia inaugurale e tempestando di messaggini gli atleti italiani, come ha confessato candidamente la schermitrice Rossella Fiamingo. Dopo essere stato sfottuto sui social per avere portato sfiga agli italiani (clamorosa la caduta di Vincenzo Nibali a 11 km dal traguardo) Renzi ora ci riprova con gli eroi del volley. Anche lui, come migliaia di italiani, seguirà la finale davanti al televisore. Meglio il tifo delle interviste. Ma, soprattutto, meglio affrontare l’intervista che riapre la stagione politica mentre (si spera) si festeggia una insperata medaglia d’oro. Oltre l’affanno di Matteo Renzi per ottenere visibilità, in ogni caso, un “Forza azzurri” ci sta tutto.