Renzi ha fatto il colpaccio: i Tg Rai “nascondono” persino la crescita zero

Ecco un chiaro esempio di come i tg Rai nascondono le notizie sfavorevoli al governo Renzi. Venerdì 12 agosto arriva il dato che il Pil, nel secondo trimestre del 2016, è rimasto fermo e invariato rispetto ai tre mesi precedenti. Lo certifica l’Istat: non c’è nemmeno un decimale in più. Un risultato infausto che smentisce tutte le previsioni ottimistiche di Renzi. Ma per i direttori freschi di nomina dei tg Rai non è una notizia da primo piano. A segnalare la “disattenzione” dei telegiornali “renzizzati è Il Fatto Quotidiano che titola con un richiamo in prima pagina: «La crescita zero per il “nuovo” Tg3 di Mazzà non è una notizia».

Rai, il Tg3 nasconde le notizie infauste per Renzi

Nel nuovo Tg3 diretto da Luca Mazzà la notizia della crescita zero è arrivata al minuto 18 e 35 dopo quelle su Siria, Thailandia, Turchia. E  dopo un ampio servizio sulla biografia della ginnasta americana Simon Biles. Ed ecco come viene diffusa la notizia: «La crescita della nostra ricchezza – non è andata né avanti né indietro». Un «rallentamento registrato in tutta Europa», anche per l’«effetto Brexit e la minaccia terroristica», che «pesano ovunque».  Il tg continua ancora informando i telespettatori che ora la risposta del governo «si concentrerà sugli investimenti», che «potrebbero rilanciare quel clima di fiducia che è l’unico motore che può rilanciare il Paese».  Il giorno dopo il Tg3 di Mazzà torna nuovamente sull’argomento intervistando il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti. Mentre il Tg2 delle 20.30, osserva Il Fatto Quotidiano, va un po’ meglio e si occupa della notizia al quarto minuto: «La crescita economica perde slancio».

La Rai cerca di difendersi ma non è convincente

La Rai colpita e affondata arranca una risposta, ma non è convincente.  «Il Tg3 – si legge in una nota – ha dedicato alla mancata crescita del Pil nel secondo trimestre dell’anno “quattro servizi” nell’edizione serale, affrontando il tema “nei titoli di testa di tutte le principali edizioni del giorno». Nella nota si precisa altresì «che il telegiornale ha affrontato l’argomento nei titoli di testa di tutte le principali edizioni del giorno. In particolare, nell’edizione serale delle 19, in ragione della particolare rilevanza della notizia il Tg3 ha dedicato a questo tema quasi un terzo dello spazio complessivo del giornale articolando il racconto in quattro servizi per una durata totale di circa 8 minuti. Sul sito del Tg3 – conclude la Rai – sono visionabili tutte le edizioni del giorno».