Oscar Pistorius ricoverato con ferite ai polsi: tentato suicidio o ennesima farsa?

Oscar Pistorius, condannato a sei anni di prigione per l’omicidio della fidanzata Reeva Steenkamp, è stato ricoverato in ospedale con delle ferite ed è già rientrato in carcere a Pretoria dopo essere stato sottoposto alle cure necessarie. Secondo la Bbc Pistorius si è ferito “ai polsi”. Singabakho Nxumalo, portavoce del dipartimento dell’amministrazione penitenziaria, ha riferito che Pistorius ha raccontato di essersi ferito cadendo dal letto. Il portavoce non ha aggiunto altri particolari per motivi di privacy, ma ha annunciato che è stata aperta un’inchiesta sull’accaduto ma intanto arriva una parziale smentita sull’ipotesi di un gesto estremo dell’ex atleta paraolimpico: “Oscar Pistorius respinge le speculazioni su un tentato suicidio”, riferisce un responsabile dell’amministrazione carceraria sudafricana, Manelisi Wolela, dopo il ricovero dell’atleta paralimpico per sembra ferite ai polsi, già tornato in cella dopo le cure. Pistorius, in carcere per l’omicidio della fidanzata Reeva Steenkamp, è stato prima assistito dallo staff medico della prigione Kgosi Mampuru II di Pretoria e poi trasferito al Kalafong hospital, ha aggiunto il funzionario. “Non possiamo discutere le condizioni di un detenuto in pubblico”, ha chiarito Wolela. Non si esclude l’ipotesi di una mezza sceneggiata senza consgeuenze per Pistorius. Durante l’udienza decisiva in cui è stata emessa la sentenza contro Pistorius, il legale difensore dell’atleta aveva dichiarato che il suo cliente stava soffrendo di una grave depressione, motivo per cui aveva chiesto al giudice gli arresti domiciliari per scontare la pena detentiva.