Napoli, arrestato un marocchino: per quattro anni violenze sulla compagna

Da quattro anni un marocchino picchiava e maltrattava la sua compagna. E quando la polizia è intervenuta per l’ennesima lite, lui ha tentato di buttarsi giù da una finestra. È accaduto a Napoli, nel quartiere Scampia. È lì, in via Capresa, che sono intervenuti gli agenti del commissariato di Polizia Scampia, coadiuvati dai colleghi dell’U.P.G; arrestato Mohamed Ech Cheikh, marocchino di 31 anni.

Il marocchino aveva anche tentato di uccidere una vicina di casa

Nel corso delle operazioni di identificazione, l’uomo marocchino si è lanciato verso la finestra della camera da letto dell’appartamento, al quinto piano, con il chiaro intento di lanciarsi nel vuoto. Gli agenti sono riusciti ad afferrarlo, uno per il piede e l’altro per la cintura dei pantaloni, sebbene lo stesso già pendesse con il corpo a testa in giù. Un intervento che ha consentito di salvarlo. Gli agenti hanno poi accertato che da circa quattro anni, nel corso della convivenza, l’uomo con cadenza quasi quotidiana, maltrattava, offendeva e malmenava la sua compagna, “punita” anche perché non riusciva a dargli i soldi per l’acquisto di droga. L’uomo marocchino fu già arrestato per analoga condotta nel gennaio del 2014, quando stava tentando di uccidere una vicina di casa solo perché era accorsa in aiuto della convivente che era stata malmenata. Successivamente fu scarcerato, riprendendo tuttavia la convivenza con la vittima. Nella circostanza fu destinatario di ordine del Questore di Napoli a lasciare il territorio nazionale, cui non ha mai ottemperato. I due poliziotti sono stati costretti a rivolgersi alle cure dei sanitari per lesioni guaribili in 10 e 20 giorni.