Meloni: «Dal Qatar 25 milioni di euro per i centri islamici in Italia e Renzi dorme»

FacebookPrintCondividi

«Sotto l’occhio vigile di Alfano e Renzi che blaterano di contrasto al fondamentalismo islamico, negli ultimi 3 anni sono arrivati 25 milioni di euro dal Qatar destinati a moschee e centri islamici». Lo scrive su facebook il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni. «Lo stesso Qatar sostenitore dei “Fratelli musulmani” e dell’integralismo islamico. Ovviamente il nostro Governo non sa nulla di come siano stati spesi questi soldi, così come non sa nulla dei cospicui finanziamenti che arrivano dall’Arabia Saudita e dalla Turchia».

Giorgia Meloni: «Da tre anni siamo nelle mani di incapaci»

«Pochi giorni fa Alfano si è finalmente svegliato», aggiunge la Meloni, «dichiarando che serve un controllo sui soldi che arrivano alle associazioni islamiche. Alla buon’ora. Se rimaniamo altri 3 anni in mano a questi incapaci ci ritroveremo un minareto in ogni piazza d’Italia e la nostra terra interamente islamizzata. I finanziamenti che arrivano da stati stranieri fondamentalisti per l’apertura di moschee in Italia devono essere vietati, senza perdere altro tempo».

L’affondo sul reato di integralismo islamico

L’attacco di Giorgia Meloni è durissimo e viene dopo un’altra iniziativa lanciata nei giorni scorsi: «Il ministro della giustizia Orlando dichiara di non capire il reato di integralismo islamico proposto da Fratelli d’Italia», le parole di Giorgia Meloni. «La cosa non ci sorprende, se chi ci governa in Italia e in Europa fosse più perspicace non ci ritroveremmo nella situazione attuale con il terrorismo fuori controllo».

Per la Meloni va cancellata la propaganda pericolosa

«Proveremo a spiegare il concetto con parole più semplici – incalza Giorgia Meloni – di quelle usate nella proposta di legge depositata: oggi è legale sostenere che la corretta interpretazione del Corano sia quella che prevede, tra le altre cose, la pena di morte per blasfemia (come i giornalisti di Charlie Hebdo), la pena di morte per omosessualità (come per la strage nel locale gay in Florida), per abbandono della religione musulmana, per adulterio. È talmente legale che è l’impostazione insegnata in Italia nelle moschee e nelle scuole coraniche finanziate dall’Arabia Saudita e dal Qatar. Fratelli d’Italia chiede che la propaganda di questa interpretazione dell’islam, finalizzata a mettere concretamente in pericolo i cittadini, sia vietata. Sembra facile da capire, diventa complicato per chi è convinto che il terrorismo non abbia nulla a che fare con l’integralismo islamico».