Maltrattamenti e percosse ad anziani e disabili: nuovi arresti a Crotone

Ancora violenze contro anziani e disabili. La Guardia di finanza di Crotone ha dato esecuzione a una nuova ordinanza, emessa del gip Michele Ciociola, nell’ambito della vicenda dei maltrattamenti commessi nella casa famiglia denominata “San Francesco e Santa Maria” gestita dall’associazione “Opus Onlus” a Crotone.

Maltrattamenti agli anziani: nuovi arresti a Crotone

Il provvedimento del gip prevede gli arresti domiciliari a carico di E.I., di 45 anni, che risulta allo stato irreperibile, e di M.R., di 56. Divieto di dimora nella provincia di Crotone per T.R., di 47 anni. I destinatari delle misure sono coinvolti a vario titolo nella gestione e amministrazione della casa famiglia per anziani e disabili sottoposta a sequestro preventivo. Nei loro confronti le indagini coordinate dal sostituto procuratore di Crotone Gaetano Bono hanno consentito di accertare ulteriori responsabilità per atti lesivi nei confronti di alcuni ospiti della struttura di ricovero: percosse fisiche, umiliazioni e vessazioni di natura psicologica e tentativi di inquinamento delle prove.

Lo scorso luglio c’erano stati altri tre arresti

Le misure si aggiungono ai tre arresti, eseguiti a metà luglio nei confronti della responsabile della struttura e di due operatori. L’attività investigativa permetteva di acclarare che i gestori della struttura di ricovero non predisponevano nei confronti dei degenti un’assistenza medica ed infermieristica adeguata; inoltre, gli stessi davano disposizione ai dipendenti affinché fossero somministrate ai degenti razioni di vitto assolutamente insufficienti sia dal punto di vista qualitativo che dal punto di vista quantitativo. Le indagini avevano altresì permesso, anche attraverso l’ausilio di captazione audio-video, di costatare che due degli indagati ponevano in essere atti lesivi dell’integrità fisica e morale nei confronti di alcuni ospiti della struttura di ricovero.