L’ultima del Pd: alla Festa dell’Unità arriva il capitano Kirk di “Star Trek”

Il Pd si aggrappa disperatamente al capitano Kirk. Sì, proprio lui, il famoso personaggio di Star Trek. Forse perché i democratici si sentono un po’ extraterrestri. Non bastavano le polemiche sulla trasformazione delle feste dell’Unità in un comitato elettorale per il Sì al referendum, uno schiaffo a tutti gli esponenti del partito che invece sono schierati per il No. Non bastavano le beffe dei discorsi di Renzi, che pensa di aver tutti al suo servizio. Dal 16 al 19 settembre arriva alla festa dell’Unità al Parco Nord di Bologna William Shatner, il capitano Kirk di Star Trek per una tre giorni dedicata alla serie tv e ai suoi 50 anni. Shatner sarà a disposizione dei fans per incontri, foto e autografi, oltre alla proiezione venerdì 16 dell’ultimo episodio della saga: “Star Trek Beyond”. La tre giorni è organizzata in collaborazione con lo Stic (Star Trek italian club) e con il negozio “L’Ultimo Avamposto”.

Il capitano Kirk e il tema della diversità

All’origine della scelta la capacità della serie di affrontare temi sociali come rispetto delle diversità e delle culture, bioetica o parità dei sessi. Per la prima volta un attore hollywoodiano sarà ospite di una Festa de L’Unità. Shatner, oltre ad aver interpretato il capitano Kirk, è anche noto per la serie poliziesca TJ Hooker e come protagonista di Boston Legal. Per la sua interpretazione di Danny Crane ha vinto un Golden Globe e un Emmy Award. Dai prossimi giorni su www.startrek50.it il programma.