Indietro tutta: giocare ai videogames fa crescere i voti in pagella

FacebookPrintCondividi

Non è vero che i videogames siano sempre diseducativi, anzi, in alcuni casi i giochi che per molti sono il “demonio” possono addirittura avere effetti positivi per gli studenti. Secondo un ampio studio condotto in Australia giocare abitualmente coi videogames è associato ad un miglioramento del rendimento scolastico, specie nelle materie scientifiche.

Il risultato dello studio sui videogames

Condotto da Alberto Posso della Rmit University a Melbourne, nello studio si dimostra inoltre che, al contrario di quanto si possa comunemente affermare anche nel confronto con i videogames, che usare abitualmente Facebook o altri social e le chat ha effetti negativi di un certo rilievo sul rendimento scolastico. La ricerca è stata pubblicata sull’International Journal of Communication e ha riguardato dati relativi a oltre 12.000 studenti. È emerso che studenti che giocano ai videogames online quasi ogni giorno hanno un punteggio a matematica mediamente di 15 punti maggiore rispetto a coetanei non habitué dei videogiochi. Gli stessi studenti-giocatori hanno un punteggio di 17 punti superiore in scienze. Posso ha inoltre riferito che i teenager che usano Facebook o le chat ogni giorno hanno un rendimento inferiore in media di 20 punti in matematica rispetto a coloro che non hanno mai usato i social. Secondo Posso, i videogames mettono in azione funzioni mentali legate a ragionamento e capacità di risoluzione dei problemi, intimamente connesse con le materie scientifiche. Viceversa, l’uso dei social toglie tempo allo studio e riduce la concentrazione. Insomma, basta con i rimproveri dei genitori, e non solo, ai figli o a chi sta molto tempo sulle varie piattaforme a giocare on line. Anzi, se i risultati del lavoro dello studioso australiano dovessero essere ribaditi in altri studi, forse i genitori dovranno invogliare i propri ragazzi a usare i videogames, almeno andranno meglio a scuola nelle materie scientifiche.