Il nuovo dg di Ama voluto dalla Raggi? Coi rifiuti di Voghera ha fatto flop

FacebookPrintCondividi

Stefano Bina, il manager scelto dalla giunta Raggi per risolvere i problemi dei rifiuti di Roma? A Voghera ha fallito. Basta scorrere gli articoli della cronaca cittadina per averne conferma. Addirittura, in un articolo della Provincia Pavese di alcuni mesi fa, il sindaco di Voghera, sommerso dalle proteste, aveva minacciato proprio Bina di togliergli l’incarico. Il dato più paradossale? Ad attaccarlo c’erano pure i grillini lombardi. Se si tiene conto che Voghera ha una superficie di 63 km quadrati e la Capitale è “appena” venti volte più grande, i romani hanno poco da stare tranqulli.

Fratelli d’Italia definisce illegittima la nomina di Ama

Alle perplessità sul nome del manager si aggiungono le denunce di irregolarità contro la giunta Raggi. «La nomina di Stefano Bina come direttore generale ad interim è illegittima ai sensi dell’articolo 20 dello Statuto di Ama poiché la nomina spetterebbe al Cda o all’amministratore unico. Ancora una volta i trasparenti grillini violano le norme. Siamo stati i primi ad evidenziare la grande anomalia della nomina del Dg a tempo di Ama, un atto illegale e uno sperpero di soldi pubblici visto che anziché nominare un esterno si poteva utilizzare una risorsa interna in attesa che venisse espletato il bando pubblico». La denuncia è di Fabrizio Ghera, capogruppo di Fdi-An in Campidoglio.

Ghera: “Bina all’Ama? Finanziava il Pd”

«Dopo Solidoro nominato amministratore unico, che non ha nessuna esperienza in ambito ambientale – prosegue Ghera – arriva Bina da Voghera, certamente non abituato ai carichi di una grande metropoli come Roma e catapultato infatti nella Capitale dopo aver gestito i rifiuti di un piccolo comune di appena 40 mila abitanti. Di fatto sembra di essere nell’era del marziano Marino, con l’Ama che si ritrova commissariata da una giunta che decide sotto ordine del direttivo 5 Stelle mentre prosegue la ‘lombardizzazione’ dell’azienda da parte della Casaleggio Associati, della serie Milano chiama e Roma risponde, come se nella Capitale non ci fossero persone capaci. E certamente anche le indiscrezioni che circolano sull’ingegnere. neo Dg Ama non depongono a suo favore: tre anni fa alcuni esponenti del M5S lo attaccarono duramente per il flop sulla raccolta differenziata di Voghera secondo i grillini ferma al 27%; per essere nominato alla Asm, poiché era stata scelta un’altra persona al suo posto, dovette rivolgersi al giudice del lavoro che lo riammise ma poi finì comunque sotto inchiesta per una serie di lettere anonime. Per finire in bellezza, nel 2011 attraverso Asmt ha sponsorizzato per 1000 euro il Pd a dimostrazione del grande feeling tra i grillini e la sinistra».