Fisco: compilati dai CAF 17,6 milioni di 730. 300mila in più del 20015

Il Fisco italiano stimola i CAF. Cresce infatti il numero di contribuenti che si affidano ai CAF (Centri di assistenza fiscale), per la propria dichiarazione dei redditi: dai dati dell’ultima campagna di assistenza fiscale conclusasi lo scorso 22 luglio, sono oltre 17.600.000 i lavoratori dipendenti e pensionati che nel 2016 hanno scelto i Centri di Assistenza Fiscale per l’elaborazione e l’invio del proprio modello 730, con un incremento di oltre 300 mila dichiarazioni rispetto all’anno precedente. Secondo la Consulta Nazionale dei CAF, sono circa 300 milioni i documenti fiscali che i Centri, disseminati su tutto il territorio italiano, hanno acquisito e controllato nella fase di elaborazione dei modelli 730: 2 mila tonnellate di documenti fiscali sono stati trattenuti dagli stessi uffici attraverso procedure di conservazione (per la durata di 5 anni), evitando così al cittadino di dover conservare in casa questa enorme mole documentale. Ad oltre 14 milioni e mezzo di contribuenti i CAF hanno fornito assistenza fiscale anche attraverso la dichiarazione precompilata acquisita dell’Agenzia delle Entrate, contribuendo in modo significativo al processo di semplificazione fiscale avviato lo scorso anno con l’attuazione del D.Lgs 175/14. ”Lavoratori dipendenti, collaboratori e pensionati hanno trovato, oramai da molto tempo – sottolinea in una nota la Consulta dei centri – chi consente loro di stendere dichiarazioni fiscali corrette. I Caf hanno dato grande prova di efficienza, correttezza e attenzione al tema fiscale coinvolgendo, con gli oltre 15 mila addetti, 17.600.000 italiani”.